Di Emanuela Ramponi

Questo è un periodo duro. Si sentono notizie raccapriccianti su suicidi di persone soffocate dai problemi. Il counselling potrebbe essere la soluzione per affrontare i problemi della vita.

Tecniche Familiari. Intervista alla dottoressa Monica Gioscia, Counselor mediatore familiare presso l’Associazione La Casetta a Roma.

Cos’è il Counselling?

Il Counselling è un’attività nella quale la persona è aiutata attraverso il colloquio a risolvere o/a fronteggiare al meglio il proprio disagio personale, facendo miglior uso delle proprie risorse rispetto ai propri bisogni e desideri. Noi ci rivolgiamo sia alla coppia che al singolo.

Si parla anche di mediazione familiare… che cosa si intende?

La mediazione familiare si rivolge a coppie in crisi, magari in procinto di divorziare quindi cerchiamo di essere vicini  in questo delicato momento. Si aiutano gli ex per riorganizzare le relazioni familiari dopo o in fase di separazione.

E la consulenza educativa che valore ha?

E’ un modo per aiutare i genitori in difficoltà nella relazione educativa con i propri figli, attraverso dei colloqui con l’educatore, per trovare nuove strategie e soluzioni che aiutino a superare quel problema.

Lei è responsabile di un centro per la famiglia. Di cosa si occupa esattamente?

L’Associazione si chiama ”La Casetta” è sul territorio del 15°municipio di Roma dal 2006, è un centro per l’incontro e la possibile risoluzione dei conflitti che si vengono a creare nelle famiglie. Prevenzione della violenza, possibilità di creare un dialogo costruttivo fra i membri di una stessa famiglia, magari in difficoltà.

Alla Casetta arrivano  anche quei  figli che vivono difficili rapporti in famiglia?

Ci  occupiamo  di relazioni difficili all’interno delle famiglie, ma di   solito sono prevalentemente genitori a chiamare. Non è così frequente che un adolescente arrivi a noi spontaneamente.

C’è  la possibilità di un supporto pratico e non solo psicologico a chi si rivolge alla sua struttura?(ingressi in case famiglia, alloggi temporanei, assistenza legale etc..)

No. Siamo in grado di dare informazioni riguardo a questi aspetti. L’assistenza legale è legata al tipo di problematiche poste, e quindi solo se riguarda la separazione.

Internet ed i giovani,  ha un suo aspetto positivo questo connubio. Si tende a rinchiudersi nel proprio habitat, oppure si espandono le proprie conoscenze.

E’ una bella domanda. Ultimamente ero presente in Senato alla presentazione dell’ultima indagine conoscitiva sull’infanzia e l’adolescenza 2011, presentata da Eurispes e Telefono Azzurro, dove emergeva proprio quest’argomento.

Ai ragazzi fa piacere aver un luogo proprio, solo per loro, dove spesso i genitori non possono arrivare. Molti genitori non sanno cosa sia, per esempio, facebook, consiglio allora  ai genitori di essere più vicini ai loro figli, magari anche cominciando a conoscere meglio alcuni social network. Certo con discrezione, cercando di essere il meno possibili invasivi. Spesso parlare la stessa lingua aiuta la comunicazione!!!!

Potete trovare la dottoressa presso l’Associazione La Casetta via Frattini, 235 Roma.

Barbara Molinario

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine