Di Tiziana Galli

Viene dal Libano il fascino senza tempo della Collezione A/I 2012 -2013 che Raffaella Curiel presenta ad Altaroma.

Anche questa volta la Signora della Moda, Raffaella Curiel, ha presentato una collezione disegnata con il cuore.

Abiti che vanno al di là del gusto e danno forma alla classe.

Ed è proprio la classe il vero leitmotiv del brand.

Per quest’anno magiche suggestioni invernali: è, infatti, da un piccolo libro sui cedri del Libano che l’ambasciatrice della moda italiana ha tratto la sua ispirazione, “Le cèdre du Liban” di Désirée Sadek.

Stampe su pregiatissimi tessuti per celebrare i cristalli invernali.

“La neve è simbolo di pace e di serenità, da sempre. È un’immagine che aiuta a ritrovare la luce interiore e ad abbattere il pessimismo”.

Queste le parole con le quali Raffaella Curiel commenta, in conferenza stampa, i suoi abiti, aggiungendo che ha ancora il piacere di presentarli a Roma per ritrovare il calore di chi la ama e la sa accogliere.

Uno stile che non conosce tempo, una perfezione di particolari che è difficile trovare, un’attenzione al dettaglio che lascia trasparire un grande amore per ogni singola creazione.

Fibbie ottocentesche e bottoni di murrine per rifinire i capi; guanti con inclusioni di unghie artificiali, in tiratura limitata, per “graffiare l’invidia”…

 Cinquantadue outfits in tutto.

Una collezione ecletica, dove il lusso è esclusivo, pensato e non lascia nulla al caso, soprattutto nello studio delle forme e degli equilibri dei volumi.

 Abiti che possono essere indossati da una donna raffinata, disinvolta e impeccabile, per uscire la mattina e tornare la sera dopo aver fatto il giro del mondo.

Gli abbinamenti, innovativi e stimolanti, accostano un trench stampato pitone double face, color aragosta, con una gonna di camoscio intrecciato e una blusa di chiffon; o un giubbotto finto cocco, di lana cloqué, accompagnato da una gonna Kilt di visone nero.

Completi di abiti e mantello “Jolie Madame” tono su tono, in flanella grigia, in jersey spina di pesce e in cashmire grigio medio con applicazioni di breitschwanz sopra al vestito di raso.

Tanti i cappelli da giorno firmati dall’inseparabile figlia Gigliola, che collabora con Donna Raffaella dal 1993.

Una collezione da vedere e che sarebbe fantastico indossare.

  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • 11
  • 10
  • 9
  • 8
  • 7
  • 6
  • 5
  • 4
  • 3
  • 1

Tiziana

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine