Di Tiziana Galli

Ballo a Palazzo

Serata a Palazzo per il Gran Ballo d’Autunno

 

Come si può resistere alla tentazione di partecipare ad un Gran Ballo d’altri tempi?

Pizzi e crinoline a parte, la magia di un valzer danzato insieme a un cavaliere in frac non ha prezzo.

Storia, arte, gusto ed eleganza si fondono in un unico imperdibile evento, incorniciato dagli splendidi ambienti di Palazzo Brancaccio.

Sabato 10 Novembre la Compagnia Nazionale di Danza Storica, diretta da sempre da Nino Graziano Luca, organizza come di consueto il Gran Ballo di Sissi.

Un evento vissuto in spazi storici, con abiti e tradizioni ottocentesche, Vin D’Honneur e Buffet dolce.

Broccati, velluti, sete, affreschi e cristalli, ma anche giochi di luci, d’acqua e tanto romanticismo, promettono una serata davvero indimenticabile.

La location non ha bisogno di essere presentata, si tratta di uno dei palazzi più belli della Roma bene, per la precisione l’ultimo edificio eretto dalla nobiltà capitolina quando la principessa Mary Elisabeth Field, moglie americana del principe Salvatore Brancaccio, lo commissionò all’architetto Gaetano Koch.

La struttura si trova nel cuore della città eterna e tra i ruderi romani e un parco naturale mantiene vivo lo splendore originario.

La data del 10 Novembre è stata scelta per ricordare il primo viaggio in Italia dell’imperatrice Elisabetta di Baviera  che nel 1856,  scese nella penisola accanto a suo marito, l’imperatore Francesco Giuseppe, e a sua figlia Sophia.

In quell’occasione la visita dell’imperatrice austriaca venne accolta con sdegno e freddezza dalla popolazione italica, per sottolineare senza mezzi termini la malgradita presenza di un regime militaristico estraneo e imposto.

Ma i tempi cambiano e, grazie all’insieme di più fattori, tra cui la trilogia dei film diretti da Ernst Marischka, oggi Elisabetta Amalia Eugenia di Wittelsbach, imperatrice d’Austria, oltre che duchessa di Baviera, regina apostolica d’Ungheria, regina di Boemia e di Croazia come consorte di Francesco Giuseppe, è una delle figure coronate più amate della storia, nonchè sinonimo di bellezza e Romanticismo.

Non indifferente, poi, è stato il lavoro di avvicinamento culturale che è stato mosso dagli organi diplomatici italiani e austriaci che, anche per merito di S.E. l’ambasciatore d’Austria Christian Berlakovits, si sono mossi verso il consolidamento di una sincera amicizia tra le nazioni.

E’ così che a distanza di centocinquant’anni circa, negli stessi spazi in cui la Principessa Mary Elisabeth Field organizzava i suoi Balli, la tradizione viene continuata dalla Compagnia di Nino Graziano Luca, riportando in vita nel dettaglio i piaceri e le raffinatezze che l’epoca romantica ha profuso.

Impedibile questo appuntamento dove ogni partecipante potrà ritrovare il meglio di una Tradizione culturale che non può e non deve sparire.

Ogni persona sarà trasportata dai cerimonieri stessi nel mondo dorato del sogno romantico e  sarà coinvolta direttamente nel gioco del Ballo.

C’è di più: all’ingresso i partecipanti verranno accolti dai “domestici” che distribuiranno loro i carnet, utili per appuntare il nome del partner con cui prenderanno l’impegno per le danze.

Per chi non vuol farsi trovare impreparato è consigliato partecipare ai corsi di formazione organizzati dalla Compagnia stessa.

Non lasciatevi sfuggire quest’occasione: sono aperte le danze…

  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • 1
  • 02
  • 2
  • 3
  • 4
  • brancaccio

info: 392 2 800 800

Roma 12 Ottobre 2012

Tiziana

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine