Di Maria Neve Riemma

InGenerazioni

InGenerazioni: sull’onda dell’arte

 

Nella fredda magnifica cornice di Benevento, fino al 20 gennaio, il museo d’arte contemporanea del sannio “Arcos” presenta “InGenerazioni“.

Mostra, curata da Ferdinado Creta, dedicata, da un lato, alla pittura del grande maestro Salvatore Paladino, giocosa e colorata, che scompone l’immaginario in elementi semplici da ri-assemblare, dall’altra, alle opere di Francesco Alessio, sculture dalla forte carica espressiva ed emotiva, realizzate in composizioni di materiali naturali con un legame fortissimo alla terra, soprattutto quella sannita.

Una mostra dalle mille sfaccettature che esalta i due autori i cui destini si intrecciano attraverso la pittura e la scultura, due mondi paralleli che inevitabilmente si ricollegano dopo un percorso di studio e maturazione artistica che parte da lontano.

Se da un lato notiamo la vivacità e la grande forza comunicativa che il maestro Salvatore Paladino trasmette attraverso le sue opere, dall’altro lato restiamo colpiti dalle creazioni del “maestro/allievo” Francesco Alessio che mescola ed assembla sapientemente materiali naturali come legno, pietra, ferro, corda, terracotta, dando vita a capolavori estremamente originali e di profonda suggestione che ricordano il Feng Shui.

Nella simbologia del Feng Shui rientrano proprio i cinque elementi più amati dal maestro Alessio: il legno, il fuoco, la terra, l’aria, il metallo.

La natura si mantiene in equilibrio, conservandone l’ordine e strutturandosi attraverso la combinazione dei cinque elementi in tre sequenze predeterminate, che hanno il compito di continuare la vita e creare nuove forme.

E’ in questa maniera che le sculture prendono vita: azzerando il design e portando alla ribalta un non so che di profondo, di vero e reale, grazie alla sapiente capacità di lavorare i materiali essenziali, più semplici.

Mentre le maggiori tendenze puntano prettamente allo styling forzato, Francesco Alessio presta attenzione a ciò che questa terra può offrire, mettendolo splendidamente in evidenza così come si presenta in natura con opere fiabesche, nella contemplazione delle quali è incredibile scoprire come abbiamo dimenticato di ammirare i beni della natura nel loro stato originario e che la fantasia può liberarsi come una sorgente d’acqua dalla roccia.

Opere che parlano da sole, dove la materia e la naturalezza sono le protagoniste assolute.

La mostra é aperta dal martedì alla domenica 9/13, 17/20

04 Gennaio 2013

 

  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • 2
  • 3
  • 5
  • 6

Tiziana

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine