Di Maria neve Riemma

Film Festival Senza Frontiere

WithoutBorders

 

Giunto alla sesta edizione, il Film Festival umanitario internazionale Senza Frontiere é una manifestazione che presenta opere capaci di far vibrare le corde del cuore.

Senza Frontiere presenta film che narrano storie eccezionali, che dimostrano, quanto possono avere in comune tra loro gli esseri umani di etnie e culture diverse.

Il film festival si svolgerà a Spoleto, il 5, 6 e 7 luglio 2013, nell’ambito del Festival dei Due Mondi.

Senza Frontiere promuove eventi e manifestazioni durante tutto l’anno e in diversi Paesi del mondo, per portare all’attenzione del pubblico i temi cruciali della difficile convivenza social.

Temi come quello della lotta per la difesa dei diritti delle donne di cui oggi Malala Yousafzai, ragazza quindicenne, attivista Pakistana a favore dell’istruzione femminile e contro la violenza alle donne del suo Paese, è simbolo.

Malala ha iniziato a scrivere in un blog anonimo per la BBC a soli undici anni, criticando i talebani per le loro attività repressive.

Mentre usciva dalla scuola di Mingora, Malala Yousafzai, è stata gravemente colpita alla testa e al collo, con diversi colpi di arma da fuoco, da un uomo armato talebano. E’ sopravvissuta all’attacco ed è ora ricoverata in un ospedale a Birmingham, in Inghilterra. L’aggressione da lei subita è divenuta la brutale dimostrazione della persistenza di culture che discriminano la donna, alla quale sono negati i diritti fondamentali e la medesima dignità riservata agli uomini.

Ispirato al principio che “la pace nasce dalla conoscenza”, il primo appuntamento di quest’anno del film festival umanitario internazionale Senza Frontiere, dal titolo “Tutte a Scuola“, promosso dalla Commissione delle Elette del Comune di Roma, si terrà a Roma il prossimo 15 gennaio alle ore 17 e 30, alla Casa del Cinema.

Sarà proiettato in apertura il film Iraniano “Buddha collapsed out of Shame” di Hana Makhmalbaf, vincitore dell’Orso d’argento al Festival cinematografico di Berlino del 2007, che ci mostra, attraverso gli occhi di una bambina di soli sei anni, il clima di violenza e di boicottaggio all’istruzione di cui sono vittime le bambine afghane.

Infine seguirà la tavola rotonda, presenziata dalla giornalista Iman Sabbah con la partecipazione di: Monica Cirinná, presidente della Commissione delle Elette del Comune di Roma, che ha fatto conferire a Malala Yousafzai la cittadinanza onoraria della città; Padre Caesar Alimsinya Atuire presidente dell’Associazione Amicus per la cooperazione e lo sviluppo e l’istruzione delle donne in Ghana; Parisa Nazari iraniana, fondatrice dell’Associazione Donne per la dignità, dedicata alla tutela dei diritti delle donne all’istruzione e al lavoro.

Per finire, l’associazione Senza Frontiere, e la Commissione delle Elette, consegneranno a Malala Yousafzai, una borsa di studio che le permetterà di completare la sua istruzione.

Roma, 9 Gennaio 2013

Tiziana

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine