Di Tiziana Galli

Monstera

AltaRoma è alle porte, si cominciano a scaldare i motori della più prestigiosa kermesse romana dedicata al lusso e alla bellezza.

Domenica 27 Gennaio sulle passerelle di S. Spirito in Sassia sarà l’Alta Moda di Nino Lettieri a sfilare con trenta elegantissimi capi creati per una donna raffinata, charmante e soprattutto dinamica.

Una collezione creata per essere sempre belle e in movimento, ma lasciamo che sia lo stesso Nino Lettieri a raccontarcelo…

Nino, a cosa si ispira la tua Collezione?

“A una foglia amazzonica di nome “Monstera”. Il mood della Collezione non è il sud-America, è proprio ispirato esclusivamente a questa pianta. L’idea è nata casualmente: ero a casa di amici e sono rimasto colpito da questa foglia, così l’ho fatta stampare, su fondo nero o bianco, su rasi, chiffon e organze.

Molti abiti sono ricamati a rilievo con delle paillettes  tagliate al laser a tre o a quattro dimensioni, sfruttando il gioco del tono su tono delle stoffe con il nylon delle decorazioni.

La Collezione ha linee pulite ed essenziali; c’è un grande studio tecnico e un grosso gioco di pieghe che riproducono la forma della foglia.”

I colori, quindi, quali saranno?

“Il bianco, il nero e il verde.”

Come definiresti il tuo stile?

“E’ uno stile per una donna moderna al passo con l’evoluzione dei tempi. Gli abiti perdono di volume e acquistano in essenzialità. Sono abiti da sera che possono essere portati in una ventiquattrore per una donna dinamica che ama viaggiare.”

Gli accessori?

“Sono frutto di collaborazioni: le calzature sono state create con Luigi Iovino. Abbiamo pensato a un sandalo di raso nero che richiamasse gli anni 50/60. Sul collo abbiamo inserito questa foglia di Monstera in  paillettes.

I bijoux sono in plexyglass, neri, lucidi e trasparenti, li ho creati con Antonio Vitolo, un orafo del Tarì di Caserta.”

Per quale attrice o donna della storia creeresti una Collezione?

“Per una donna che, secondo me, avrebbe bisogno di rinnovare un po’ il suo guardaroba come la regina Elisabetta. Chissà, io lancio l’idea…

Tra le attrici mi piacerebbe vestire Sharon Stone, ma in assoluto, se potessi tirar fuori una donna da tutta la storia sceglierei Marlene Dietrich.”

In quale città viene maggiormente apprezzata la tua Griffe?

“Un po’ in varie parti del mondo: ho sfilato in America, in Medio Oriente e in tanti altri posti…

Tra le mie clienti c’è una famiglia reale del Kuwait e la principessa di Riyad.”

E tu, quando ti vesti come preferisci essere?

“In nero, ho  superato il periodo degli eccessi.”

 

Cosa vorresti che emergesse della tua Collezione?

“Su una passerella dell’alta moda ognuno può portare quello che vuole, ma quello che non condivido è che possano essere tralasciate la sartorialità e la qualità.

Gli abiti devono essere belli per la loro sartorialità. “Haute Couture” vuol dire “alta sartoria”: un capo deve essere impeccabile!”

 

Hai mai voglia di creare qualcosa di “trasgressivo”?

“La trasgressione non sta nell’abito: una donna può essere trasgressiva anche con un tubino. La trasgressione è nella persona.

Io non mi sognerei mai di creare un abito che possa stravolgere la silhouette, l’abito per me deve essere mettibile.”

 

Come creativo, quale qualità apprezzi maggiormente di te stesso?

“In una Collezione riesco a seguire sempre un filo conduttore. Sono coerente.

Quello che non condivido di certe Collezioni è la frammentarietà.”

Saluto Nino Lettieri e insieme ai nostri lettori aspetto di ammirarlo domenica in passerella…

Roma, 21 Gennaio 2013

  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • monstera- Lettieri, Fashion News Magazine
  • nino-monstera- Lettieri, Fashion News Magazine

 

 

Tiziana

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine