Di Nicola Ievola

Popes used to wear …

Nessuno può resistere alla moda! Anche i Papi sono stati vittime della moda, ma con Papa Francesco la storia sembra cambiare.

 

“Due paia di scarpe rosse, una di panno di lana e l’altro di velluto, con croce ricamata d’oro, con un paio bianche con simile croce, due vesti bianche, con l’aggiunta di due altri vesti larghe in coda, che chiamai falda, la quale vien cinta nei lombi con cingoli di seta rossa e fiocchi oro, rocchetto, cappuccio, berrettino di velluto rosso, cappuccio e berrettino di panno, altro di damasco bianco, ugualmente con berrettino di eguale fattura (tutte queste circondate di pelli bianche di ermellino), queste saranno senza pelli durante l’estate ed i periodi più caldi, a ciò si aggiungono due piccoli berrettini, l’uno di panno, l’atro di seta, da mettersi secondo le occasioni, quando si indossa la mitria o il regno”.

Con queste parole Monsignor Landucci, sacrista pontificio del XVII secolo, elenca gli indumenti indossati dal Papa. A quanto pare agli eredi di Pietro, che da sempre hanno predicato nobili ideali, come  la redenzione, l’amore, la carità per il prossimo, è soprattutto di non inseguire le frivolezze della vita (soldi, carriera e moda compresa) perché tentazioni demoniache, non hanno loro per primi saputo rinunciare al fascino peccaminoso della moda e del lusso, come compatirli, d’altronde anche loro sono essere umani è di conseguenza non immuni al fascino del peccato.

Ma con Papa  Francesco , una ventata nuova sembra essere arrivare al Vaticano, il Papa si sveste di tutti quei ricchi indumenti, degli appariscenti anelli e croci in  oro e pietre preziose, “ portando” via al Vaticano le porte d’oro, come qualcuno già in passato aveva suggerito, e facendosi carico di quella missione che ben 2013 anni fa un Uomo aveva iniziato per il bene dell’umanità .

Ma facciamo un balzo nel passato e diamo un occhio agli indumenti preferiti dai predecessori di Francesco.

Siamo nel lontano IX Secolo, l’abito del Papa è  composto da vari indumenti, gemme preziose ed ori lo ornano. Di base indossa un abito talare, al quale vengono sovrapposti il cingolo, l’amitto, cioè un fazzoletto rettangolare che copre la nuca e le spalle, due dalmatiche ed una pianeta,  il paramento aperto ai fianchi il cui colore varia a seconda della liturgia del giorno.

Anello, guanti, calze, pantofole e beretta in lino decorata con lamine metalliche completano l’outfit di sua Santità.

Facendo un balzo in avanti di qualche secolo notiamo che tra il XI e il XII Secolo, il clero continua a passarsela bene, tanto è vero che sono loro insieme alle classi più elevate ad utilizzare pellicce di zibellino, martora e volpe. Ovviamente il Papa sempre attento alle ultime tendenza moda non poteva rinunciare ad indossare il manto purpureo bordato di pelliccia, se poi a completare il look era un frigio, oppure  il pileo (che si differenzia dal frigio in quanto è più dritto e non ricurvo in avanti) o in alternativo un bel copricapo di pelliccia, allora era ancora meglio.

I secoli passano ma le mode ed i vizi restano, cosi ad illustrarci bene la cabina armadio del Papa nel XVII secolo ci pensa Monsignor Landucci, è non credo che ci sia bisogno di un ulteriore commento a descrizione cosi finemente dettagliata.

Arriviamo ai nostri giorni, grandi Papi si susseguono l’uno dopo l’altro, apportando chi più chi meno qualcosa alla Chiesa, se in negativo o in positivo questo lasciamolo decidere a chi di competenza, ma ancora una volta nessuno di loro rinuncia alla sontuosità delle loro vesti, ed ecco allora talari bianche, portate con fasce in raso bianco, che evidenzia il punto vita, e  pellegrina, una mantellina aperta sul davanti che copre le spalle, zuccotto rigorosamente bianco, vistosa croce in oro con catena dorata , scarpe handmade e anello piscatorio “poco vistoso” completano il look.

Per poi non parlare delle occasioni in cui si presentano in pubblico o durante le celebrazioni in pompa magna; a quel punto lunghi mantelli con ricami in oro e pietre, si alternano a mitre ricolme di pietre preziose. Per il consueto appuntamento dell’8 Dicembre in Piazza di Spagna, il Papa Emerito Benedetto XVI, ostenta con fierezza il suo gusto per il vintage, riportando in voga la mozzetta, una mantellina corta, realizzata in velluto,  chiusa sul petto da una serie di bottoni, è di colore rosso a simboleggiare il sangue di Cristo portata a contrasto con l’abito bianco che simboleggia l’innocenza e la carità. Per poi dare un tocco ancora più prezioso la pelliccia bianca orna i bordi della mantellina. Altro accessorio scelto è il camàuro  un copricapo extraliturgico realizzato in velluto rosso e bordato di ermellino bianco o di piume di cigno. Ovviamente tutti questi capi non potevano non essere realizzati da sarti e stilisti noti ai più. Ed ecco allora comparire i nomi di Antonio Arellano, calzolaio peruviano, che ha realizzato le scarpe in pelle rosse per il Papa emerito, la sartoria Gamarelli che ha confezionato le tre vesti di taglie diverse destinate al nuovo Papa e pronte per essere indossate, ed ancora Gullermo Mariotto, fashion director, di Gattinoni che ha realizzato vari indumenti per i Papi, tra questi ricordiamo il mantello realizzato con fili di sacco di tela, ed in ultimo Prada, ma quanto pare si tratta solo di una diceria, secondo quale la regina della moda Miuccia Prada avesse confezionato delle deliziose sleepers in velluto rosso per sua Santità.

Ma ormai tutto ciò fa parte del passato ,  anche se si parla di un passato a noi non molto remoto. Finalmente con Papa Francesco tutto sembra andare verso un’altra direzione, che pare essere proprio quella giusta, finalmente un papa che si sveste del superfluo, si fa carico della propria missione è degno del nome che porta si Veste di Cristo.

Papa Francesco buon lavoro, è attento a come ti vesti noi ti teniamo sottocchio.

18 Marzo 2013

  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • 11826327_400
  • 9979ffe5
  • abiti-nuovo-papa
  • abiti_cardin_papali4
  • abiti_cardin_papali6
  • e867d49df6fdf47231c24a99d7ec9_h420_w598_m2_q90_crvzvypfd
  • gli-abiti-per-il-nuovo-papa
  • mozzetta_getty_1
  • papa
  • pio-xii-mozzetta-blessing
  • safe_image-php_
  • triregna-und-mitren

Nicola Ievola

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine