Di Barbara Molinario

FNM incontra Massimiliano Amicucci, fondatore di Move Officine del Cappello.

FNM incontra uno degli artisti del cappello più talentuosi in Italia.

Nel suo laboratorio pieno di “meraviglie”, cappelli, forme, foto di grandi attori vestiti con i suoi cappelli, anche le sedie sono realizzate con le mani di Massimiliano Amicucci, assemblando pezzi diversi, perché l’arte trasuda da ogni poro dell’atelier Move.

Massimiliano ci racconta che ora come ora il suo obiettivo è quello di farsi conoscere nella moda, non solo nel cinema, dove vanta un’esperienza trentennale e si è tolto parecchie soddisfazioni.. “ Ho cominciato giovanissimo, a 17 anni, a lavorare presso un artigiano” ci racconta “Non era questo che sognavo di diventare da grande, ma poi mi sono appassionato e non sono riuscito più a fare altro”. E la vita privata? “Sono sposato ed ho due bimbe che adorano venire a trovarmi in laboratorio” anche se lui non vuole assolutamente sforzarle nello scegliere questa strada. “Decideranno loro” dice “devono prima studiare e viaggiare per il mondo”.

È umile, timido, di una timidezza pudica, tipica di quelle persone che fanno, agiscono, piuttosto che parlare della strada già percorsa.

Nel suo laboratorio in via Giulio Tarra a Roma, realizza circa 2000 cappelli artigianali all’anno. “Presento due collezioni all’anno: primavera estate e autunno inverno” . Espone e vende alle fiere i suoi capolavori “Quest’anno ho partecipato a Room Service di Roma, al Pitti di Firenze e al White di Milano”.

Ma qual è, fino ad ora, il suo lavoro preferito? “Tra tutti quelli che ho realizzato, è l’ultimo lavoro, la creazione dei cappelli per “I Miserabili” il film premio Oscar 2013” Massimiliano è andato di persona a Londra a prendere le misure degli attori e così ha potuto respirare l’aria del cinema durante le riprese, conoscere i protagonisti, immergersi nell’aria di un film di respiro internazionale.

Da moltissimi anni collabora con costumisti importantissimi del panorama teatrale e cinematografico come Piero Tosi, Milena Caponero, Sandy Powel, Gabriella Pescucci, Maurizio Millenotti. Tra i film in cui sono apparsi i suoi capolavori ci sono pellicole storiche come “Il paziente inglese”, “Moulin Rouge”, “Il Gladiatore”, “Dracula”, The Passion”, “Il mestiere delle armi”, “Maria Antonietta”, “I pirati dei caraibi”, “Gangs of New York”.. e potremmo continuare per una pagina intera ad elencare i grandi successi a cui ha preso parte.

Conta un parco “Forme di cappelli” di tutto rispetto, ben 250 forme di cappelli diversi di ogni foggia. Ma le hai utilizzate tutte? “Ancora no, quando vedo una forma non resisto e l’acquisto, tanto prima o poi servirà. Molte forme possono essere utilizzate per più tipi di cappelli, anche “reinventandone” l’utilizzo per epoche diverse.”

È un lavoro interessante, condotto esclusivamente in modo artigianale, e mentre chi produce in maniera industriale “sforna” anche migliaia di cappelli al giorno, Massimiliano dedica tutto il tempo e la passione possibili per creare dei pezzi unici, perfetti, tutti italiani.

  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • massimiliano-amicucci-maestri_cappellai_-1
  • massimiliano-amicucci-maestri_cappellai_-2
  • massimiliano-amicucci-maestri_cappellai_-3
  • move-officine-del-cappello-per-fnm-1
  • move-officine-del-cappello-per-fnm-2
  • move-officine-del-cappello-per-fnm-3
  • move-officine-del-cappello-per-fnm-4
  • move-officine-del-cappello-per-fnm-5
  • move-officine-del-cappello-per-fnm-6
  • move-officine-del-cappello-per-fnm-7
  • move-officine-del-cappello-per-fnm-8

Barbara Molinario

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine