Spirito siciliano e ientità barocca

Di Tiziana Galli

FNM in Radio

Spirito barocco e identità siciliana

 

Eccoci al nostro ormai consueto appuntamento settimanale con Daniele Voi, conduttore della trasmissione “in mezzo a Voi“, di Radio Mediterraneo.

L’argomento del giorno sarà il barocco siciliano con le sue fantasiose rapprentazioni teatrali, ma ancora di  più con il suo spirito carico e dinamico che caratterizza prima di tutto il popolo isolano.

Il barocco in se’ ha un carattere acceso, energico, coinvolgente: è uno stile che nasce a Roma per comunicare e per accendere gli animi. Il termine viene applicato all’arte del seicento inizialmente con un’accezione negativa, ma il tempo gli ha reso giustizia restituendogli la giusta dignità.

Spirito siciliano e identità barocca

Il “barocco siciliano”, tanto per gradire, gode di un’esistenza a parte rispetto al classico stile romano e rappresenta una declinazione tutta particolare di questo stile.

In Sicilia ogni cosa sembra avere una vita autonoma rispetto al resto dell’Italia; e pensare che questo splendido carattere stilistico prende vita dopo un evento estremamente drammatico come il terremoto della Val di Noto del 1693.

Sarebbe riduttivo parlare del barocco siciliano relegandolo ad un semplice carattere artistico: il barocco siciliano è uno stile di vita.

E’ abbondanza, è empatia, è cordialità è gusto.

Come potrebbe non esserlo considerando i colori, i sapori, i profumi di questa terra baciata dagli dei?

Barocco è il gusto dei cannoli alla ricotta, barocca è l’estetica della cassata, barocco è il sapore liquoroso dello zibibbo, barocco è l’accostamento dei colori dei carrettini tipici dell’isola.

Ma barocca è anche l’accoglienza: quella calda, cordiale, intensa, quella che solo i paesi del meridione hanno saputo mantenere.

Quella che ti fa sentire a casa anche se sei centinaia di Km lontano da dove normalmente vivi, quella che non ti fa sentire la solitudine.

Barocco è questo spirito di magnificenza siciliano che nutre gli animi mentre seduce lo sguardo.

E la moda?

Non dimenticherò mai l’emozione provata assistendo all’esordio in AltaRoma dell’ ormai nota stilista Giada Curti.

Era una delle prime sfilate che seguivo: ricca, ampollosa, trasognante ma sempre elegante e tremendamente glamour.

Ebbene, intervistando la stilista scoprii che in quella Collezione aveva voluto trasferire tutta la bellezza delle sue origini: la magia di Noto, il paese della sua famiglia.

Ci sono immagini che entrano nel cuore e di lì, grazie al cielo, non se ne possono più andare.

 

Roma 10 Aprile 2013

bellezze di sicilia

  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • balconi-noto
  • barocco-fashionnewsmagazine
  • giada-curti-alice-in-wonderland
  • giada-curti-fw-1011-06
  • img_5231
  • noto
  • ragusa_ibla_balcone_n
  • scalinata1680
  • sicilia-barocco-fnm
  • sicilia_barocco-fnm

Tiziana

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine