Di Cecilia Turriziani

Tutta la verità vi prego sul botulino.

Botulino: è davvero dannoso come tanta gente dice?

 

Un numero sempre maggiore di donne fa ricorso al Botulino o Botox per attenuare gli inestetismi della pelle, che con l’avanzare dell’età invecchia causando la formazione di solchi, spaccature, ripiegature su alcune parti del corpo, prime fra tutte: viso e mani, nelle quali il rivestimento cutaneo è sottoposto a continue sollecitazioni da parte dei sottostanti gruppi muscolari.

Andiamo ad esaminare più da vicino cos’è il botulino e quali sono i suoi effetti.

La tossina botulinica è una proteina neurotossica prodotta dal batterio Clostridium Botulinum, il Botox per l’appunto è il nome commerciale maggiormente conosciuto della preparazione farmacologica che utilizza quale principio attivo questa tossina. Il dott. Paolo Mezzana, specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica, dottore di Ricerca in Anatomia, Dermatologia e Chirurgia Plastica a Roma afferma: “In tutto il mondo si contano milioni di trattamenti botox, con una frequenza di eventi collaterali minore di quelli provocati dall’assunzione di aspirina”. Spiega inoltre che la tossina botulinica è un farmaco selettivo, che se assunto nelle dosi terapeutiche comunemente utilizzate e raccomandate, ha solo un effetto locale e transitorio. I tempi di azione del botulino in campo farmaceutico o cosmetico sono piuttosto rapidi. Mediamente basta una settimana per vedere i primi risultati (positivi in circa il 90% dei casi), ma basta anche poco per vederne calare gli effetti: nel giro di 3-4 settimane la tossina botulinica non ha più alcun tipo di effetto sulla zone soggetta ad iniezione, perciò bisogna periodicamente inocularne una certa quantità.

E’ anche vero, però, che può avere conseguenze reversibili a distanza rispetto alla zona di iniezione, ma ciò è causato da errori di tecnica o di dosaggio. Il botulino viene comunemente usato per “Rilassare” i muscoli, e non causa alcun danno neurologico centrale se utilizzato correttamente nel campo estetico ed è falso anche pensare che possa portare al congelamento dell’espressione del viso, soprattutto se infiltrato da professionisti. Inoltre, il dott. Mezzana sostiene che è assurdo pensare che piccole dosi possano causare Botulismo (intossicazione alimentare provocata dall’ingestione di alimenti nei quali è presente la tossina di Clostridium Botulinum) e provocare assuefazione nel paziente. Questo farmaco oltre ad essere usato a scopo cosmetico (dal 2002), da decenni e più precisamente dal 1991, viene utilizzato per il trattamento della spasticità sia nell’adulto che nel bambino con un dosaggio ben maggiore rispetto a quello impiegato per uso cosmetico.

Ed in merito al servizio delle “Iene” andato in onda qualche domenica fa, il dott. Mezzana sottolinea: “I pazienti devono sapere che in Italia sono approvati tre tipi diversi di tossina botulinica, tutti sicuri da un punto di vista della formulazione, del dosaggio e del confezionamento: il Vistabex dell’Allergan, il Bocouture della Merz e l’Azzalure della Galderma. Il prezzo medio del prodotto al medico si aggira attorno ai 100/140 euro e per avere dei buoni risultati e soprattutto duraturi è necessario utilizzare la metà di una confezione. Tutti e tre i prodotti devono essere diluiti prima di essere infiltrati; il Bocouture è in polvere in forma liofilizzata prima della ricostituzione e in questa forma può essere conservato a temperatura ambiente, mentre il Vistabex e l’Azzalure  anche se in polvere, devono essere conservati in frigorifero”.

Un messaggio importante rivolto a tutte le donne: diffidate delle offerte di infiltrazioni di tossina botulinica che trovate su internet a prezzi stracciati! Per ottenere il miglior risultato e non correre rischi di alcun genere è necessario rivolgersi a medici specialisti nel settore che abbiano fatto una delle scuole riconosciute a livello governativo. Per quanto riguarda gli effetti collaterali transitori, non ci si deve preoccupare se si nota un lieve rigonfiamento o ematoma dell’area trattata, fa parte della prassi delle terapie iniettive. Altre complicanze, però, sono dovute ad un errore nella tecnica.

Nelle foto la bellezza assolutamente naturale di Marta Papagiorgio fotografata da Alessandro Rabboni.

Barbara Molinario

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine