Di Umberta Castellano

Isabelle de Borchgrave: la moda di carta.

La passione per il disegno e la pittura fanno di Isabelle de Borchgrave una delle artiste più rinomate. La moda non è fatta solo di tessuti, ma anche di materiali semplici… come la carta.

Chi dice che la moda è solo quella che si vede sfilare in passerella? La moda è prima di tutto arte, creazione e inventiva. Poi è tessuto, gioielli, scarpe e cinture.
Ma se l’arte è moda.. la moda può essere incantevole come lo è l’arte?

Possiamo rimanere affascinati da una scultura o emozionati davanti un bel quadro, e potremmo fare lo stesso di fronte un abito o ad una collezione particolarmente accattivante.
L’unica verità in tutto questo è che l’emozione che ogni cosa esistente su questo pianeta ci suscita, dipende da noi, dalla nostra capacità di interpretare ciò che vediamo, dalla capacità di osservare e dalla nostra concezione del bello.

Quando parliamo di “arte” la nostra mente ci riporta alle lezioni scolastiche e ci fa pensare ai grandi pittori e scultori.

E la moda? Anche questa è arte, e lo diviene ancor più se associata alle classiche immagini della pittura. Da questo mix di generi, nascono straordinarie personalità nel mondo artistico come l’inconfondibile  Isabelle de Borchgrave.

Nata a Bruxelles nel 1946, sviluppa la sua vena artistica sin da piccola: disegna e, adolescente, dipinge sugli abiti suoi e delle amiche.

Studia al Centro di Arti Decorative della città natale e decide di aprire un atelier di alta moda, La Tour de Bébelle, dove realizza abiti, accessori e gioielli. La sua è una costante crescita professionale che la porta prima a dedicarsi ai complementi d’arredo e al design di tessuti, e poi nel 1994 (dopo aver visitato il Metropolitan Museum di New York) ai costumi in carta.

Fedele al suo spirito di pittrice, inizia a creare abiti fatti di carta, dipingendoli e rifinendoli a tocchi di pennello; crea così quattro grandi collezioni, ognuna con un mondo da raccontare.


Prende ispirazione da ogni cosa che la natura le offre: un pezzo di legno al bordo di una spiaggia, cartoni abbandonati, carte da parati consumate dal tempo, vecchie pergamene.. “Bisogna osservare molto per poter reinventare, disegnare molto per padroneggiare il tratto e quando la tecnica è ormai totalmente introiettata, lascia posto al gesto libero, alla creazione pura” dice Isabelle.
Osservare quindi è la parola chiave, ecco perché la sua crescita artistica e personale si basa soprattutto sui viaggi costanti: un’idea buona viene quando meno te lo aspetti e spesso dalle cose più semplici come, ad esempio, i raggi del sole posati sul prato di un giardino.
E’ da questa semplicità che nasce l’arte di Isabelle de Borchgrave che nel suo atelier a Bruxelles crea, disegna e dipinge lavori apprezzati da tutto il mondo, tanto da diventare il punto di riferimento delle case di produzione più affermate.

  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • isabelle-de-borchgrave-10-fnm
  • isabelle-de-borchgrave-2-fnm
  • isabelle-de-borchgrave-3-fnm
  • isabelle-de-borchgrave-4-fnm
  • isabelle-de-borchgrave-5-fnm
  • isabelle-de-borchgrave-6-fnm
  • isabelle-de-borchgrave-7-fnm
  • isabelle-de-borchgrave-9-fnm
  • isabelle-de-borchgrave-fnm
  • isabelle-de-borchgrave-fnm_0
  • isabelle-de-borchgrave-fnm_1

Likable

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine