Di Alba De Biase

Intervista a Fabiola Ferrarello

Fabiola Ferrarello, architetto, presenta  “èdidesign” un nuovo spazio espositivo e non solo, nato dalla collaborazione tra Casamania e altri brand del gruppo Doimo.

Seguendo l’esempio degli spazi alternativi anni ’70, che divennero, poi il centro della vita artistica americana, un nuovo spazio “èdidesign”, sta facendosi largo anche a Roma, precisamente in zona EUR.

Concepito come  location di eventi, mostre, presentazioni  e performance artistiche ma soprattutto ospita al suo interno  molteplici realtà legate al mondo del design e del contract,

Ho incontrato per FNM Fabiola Ferrarello che mi ha aiutato a capire cosa significa design. Con lei più che di un’intervista si è trattato di un’interessante conversazione intorno al mondo del design e non solo.

Mi spiega:

”Il nostro intento è far vivere il design anche a Roma . Lo spazio èdidesign interamente allestito con prodotti Casamania azienda del gruppo Doimo, promuove anche altri prodotti come l’arredo per l’ufficio, le  cucine e le camere per ragazzi.”

Ci sono innumerevoli oggetti di design che Fabiola conosce alla perfezione e quello che mi colpisce subito è la disposizione, ben studiata, attenta e attuale e mi fa notare subito una parete divisoria fatta di foglie in polipropilene, un’unione tra naturale ed artificiale:

“Il diaframma delle foglie non è piatto, riproduce le venature, è un dettaglio che ti fa capire che alla base c’è una progettazione, non è una cosa che salta subito all’occhio. E’ proprio come nella moda quando vedi un vestito da lontano e te ne innamori e poi lo vedi da vicino e puoi ammirare i particolari, come i bottoni o le cuciture.”

Vicino allo studio mi colpisce una sedia (Remeberme di Tobias Juretzck) realizzata con tessuti pressati, imbevuta nella resina e poi modellata e di questa serie c’è anche uno specchio e un tavolo.

Mi mostra delle lampade realizzate come un lavoro a maglia, o anche le stesse foglie separa ambienti ispirate ai ricami veneziani; il tavolo a forma di bottone.

In questi oggetti è evidente l’interazione tra moda e design mai slegati l’uno dall’altra.

“Il design  è come la moda, ognuno di noi ha dei vezzi, come può essere prendere il  the in una garza o comprare una borsa di Prada, lo showroom si apre a tante possibilità, non c’è criterio unico di arredamento, ognuno ha i suoi gusti e le sue possibilità.”

Mi dice che gli oggetti vanno toccati con mano.

Per capire e mi invita a provare le varie sedute.

Sono tante: dalle famose sedie curve Him ed Her di Fabio Novembre ai pouf morbidi con bottone di JBA design.

Fabiola mi mostra uno sgabello che si chiama SOS, del designer Josh Owen, “sembra un tavolino ma si può utilizzare come vassoio: ha 2 manici per poggiare un bicchiere, o per il pc.”

E aggiunge: ”Come mostrare alla gente questi particolari, se non invitandoli ad entrare? Così, però, si rischia di risultare pressanti.

Da qui nasce l’dea di invitare le persone ad un evento, lasciandole libere ti toccare, dando solamente qualche indicazione.”

Qui da poco si è tenuta la presentazione della sedia Raphia, dalla duplice natura, espressa dai due materiali in cui è realizzata: il giunco, che rimanda a un sapere artigianale tramandato nei decenni, e il metallo, che rappresenta la produzione industriale. Creazione dei designer Paolo Lucidi e Luca Pevere, è stata presentata anche al Salone del Mobile da Casamania.

Terminiamo la piacevole ed istruttiva chiacchierata con i progetti e le aspettative per il futuro.

Quali sono i prossimi eventi in programma?

Potete trovare tutti gli aggiornamenti su www.e-didesign

Bene, buono a sapersi!

Io intanto sono comoda qui, non vorrei più alzarmi dalla sedia.

30/06/2013

 

 

  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • foto0669
  • foto0670
  • foto0672
  • foto0673
  • foto0674
  • foto0675
  • foto0676
  • foto0677
  • foto0678
  • foto0679
  • foto0680
  • foto0681
  • foto0682
  • foto0685
  • foto0686
  • foto0687
  • foto0689
  • foto0691
  • foto0692
  • foto0693
  • foto0696
  • foto0698
  • foto0699
  • foto0700
  • foto0702
  • foto0703
  • foto0707
  • foto0708
  • foto0709

Alba De Biase

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine