Di Denise Ubbriaco

Prova costume

Sei pasti? No, grazie. Meglio due abbondanti

Il sole caldo, le lunghe giornate, le temperature elevate, il profumo del mare, le onde che si infrangono sugli scogli, il “calore bruciante”, i colori della natura nel pieno del suo vigore: questa è la bellezza dell’estate.

Citando Ennio Flaiano: “Non c’è che una stagione: l’estate. Tanto bella che le altre le girano attorno. L’autunno la ricorda, l’inverno la invoca, la primavera la invidia e tenta puerilmente di guastarla.”

La pelle inizia a scoprirsi, si accorciano le gonne, gli abiti sono più scollati e voi? Siete pronti/e per la prova costume?

I più previdenti, gli appassionati del fitness, hanno investito i mesi che precedono questa stagione a costruire il “fisico perfetto”, “il corpo statuario”, senza rotolini né chili in eccesso e con forme ben scolpite.

Eh si, la bella stagione ha fatto il suo ingresso e con essa la promozione di diete “prodigiose”, che vi promettono risultati fenomenali nell’arco di pochi giorni, ma anche di diete salutari. Non dimentichiamo gli integratori, i prodotti anticellulite, le creme con azione riducente e rimodellante, ma tutto ciò va accostato ad uno stile di vita sano, ad un’alimentazione equilibrata e con l’aiuto di esercizi mirati sarà possibile raggiungere i risultati desiderati.

Come diceva Giovenale: “Mens sana in corpore sano”.

Sono tanti i formulari di consigli dietetici per ottenere un ventre tonico e piatto, i programmi completi che mirano a sconfiggere tutte le cause del gonfiore addominale.

Una novità assoluta impazza in rete. Volete sapere cosa dicono gli ultimi studi per ottenere un notevole calo dell’indice di massa corporea? Eccovi accontentati/e.

Se la maggior parte delle diete consigliano: sei piccoli pasti al giorni tolgono i chili di troppo, arriva una ventata di novità nella canonica concezione di dieta.

Sei pasti? No, grazie. Meglio due abbondanti.

Non è uno slogan, ma il risultato di numerose ricerche. Uno studio condotto dall’istituto di medicina sperimentale di Praga, Repubblica Ceca, presentato al meeting dell’American diabetes association (Ada), ed effettuato su 52 persone affette da diabete di tipo 2 e in sovrappeso, ha dimostrato che facendo una colazione ed un pranzo abbondanti, al posto dei canonici 6 piccoli pasti, raccomandati generalmente a chi segue una dieta, si può registrare un calo maggiore dell’indice di massa corporea, la misurazione del grasso rispetto all’altezza ed al peso.

A voi l’ardua sentenza! 

News

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine