Di Denise Ubbriaco

Rio de Janeiro

Le italianissime borse Carmina Campus in mostra a Rio de Janeiro.

In occasione della Giornata Mondiale della Gioventù 2013, martedì 9 luglio, è stata inaugurata la mostra “Arte e ingegno per la salvaguardia del Creato“, sezione ambientale della prestigiosa esposizione dei capolavori vaticani che si tiene presso il Museo Nazionale delle Belle Arti di Rio de Janeiro. La mostra è stata promossa dal Ministro della Cultura Brasiliano, Marta Suplicy, dal Cardinale Stanislav Rylko, presidente del Pontificio Consiglio per i Laici, dall’Arcivescovo di Rio de Janeiro, Orani Joao Tempesta, e da Corrado Clini, direttore generale del Ministero dell’Ambiente.

Corrado Clini ha sottolineato: La mostra rappresenta un ponte ideale fra le conclusioni della Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile del 2012, ‘Rio+20′, e la Gmg 2013 che ha assunto la dimensione etica della salvaguardia del creato come tema di riferimento per la riflessione e l’impegno dei giovani.

La sezione “Ecologia, ambiente, ingegno: creatività nel rispetto del Creato“, dedicata alle eccellenze italiane nelle tecnologie e nel design per la protezione dell’ambiente, ha riscosso grande interesse, collegando i capolavori dell’arte italiana a immagini e oggetti d’arte che veicolano il messaggio del “dovere” di tutelare le risorse naturali e di “custodire” il creato, proponendo una perfetta combinazione fra esigenza di tutela e opportunità di sviluppo (elementi inscindibili per realizzare l’obiettivo della crescita sostenibile dell’umanità).

La crisi ambientale -ha affermato Clini- è un problema etico, perché la tendenza al degrado dell’ambiente non significa destino, e l’inversione della tendenza richiede l’assunzione di responsabilità morali e di scelte politiche ed economiche basate sulla custodia del creato.

A Rio de Janeiro, per la mostra “Arte e ingegno per la salvaguardia del Creato“, che durerà fino al 12 ottobre, si è proposto a Carmina Campus di esporre alcuni pezzi delle sue collezioni di borse.

Carmina Campus è il brand di moda etica di accessori, borse e mobili realizzati con materiali e manodopera eco-solidali, creato da Ilaria Venturini Fendi nel 2006. Lo scopo? Rielaborare prodotti senza uso per trasformarli in borse, impegnandosi socialmente e avvalendosi di mano d’opera proveniente da comunità di donne svantaggiate Kenyote.

Le borse, 100% made in Africa, vengono vendute nei più esclusivi stores del mondo, generando così rendita e condizioni di vita migliori delle comunità.

Le borse, quattro Switch bags, due Gardener bags e una Nina bag (realizzate grazie alla collaborazione con la Bticino) sono pezzi unici veri e propri!

Realizzate con materiali naturali o riciclati, prodotte da aziende e artisti italiani, selezionati con il contributo di Remade in Italy (associazione che promuove a livello nazionale ed internazionale i prodotti “made in Italy” derivanti dal riciclo), le borse Carmina Campus hanno trovato collocazione nella suggestiva istallazione realizzata dal Ministero dell’Ambiente: un   lungo corridoio scuro sulle cui pareti scorrono le immagini del nostro pianeta fornite da Telespazio. Clicca qui per vedere il video.

Roma 22/08/ 2013

 

  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • Shooting Carmina Campus  F/W 2013/2014
  • fashion-news-magazine-borsa_carmina-campus
  • fashion-news-magazine-carmina-campus-borsa-nina

 

News

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine