Di Giulia Iani

ASMR: il benessere per la mente direttamente dall’America.

 

ASMR (“Autonomous Sensory Meridian Response” – “Risposta Autonoma del Meridiano Sensoriale”) è un termine utilizzato per descrivere una sensazione di relax mentale e fisico che accompagna il soggetto che la sperimenta lungo tutto il momento della stimolazione dei sensi a livello uditivo e visivo. Chi la prova, descrive una piacevole sensazione di formicolio che parte dal cuoio capelluto, percorre la schiena e arriva alle braccia.
Su YouTube il fenomeno ha ispirato la creazione di video “whisperer” in cui la sensazione di relax è provocata da alcuni stimoli definiti “triggers“, come il role-play (il “gioco di ruolo” che prevede di simulare una visita dal dottore, make-up, sedute di terapia, appuntamenti dal parrucchiere o in una spa), l’ascolto di persone che sussurrano con un’intonazione molto pacata (il cosiddetto soft-speaking), ed infine alcuni rumori provocati dal lieve sfregamento su oggetti di ogni tipo che hanno l’effetto di produrre in chi vede i video piacevoli brividi percepiti sulla parte superiore del corpo (in particolar modo sulla testa). Uno dei primi forum online, in cui si discuteva il fenomeno, risale al 2007 sebbene il termine ASMR sia stato coniato solo tre anni dopo, nel 2010, quando l’americana Jennifer Allen aprì un gruppo su Facebook chiamato “Autonomous Sensory Meridian Response Group” in cui, condividendo esperienze personali, si discuteva la sensazione inspiegata provata da molti e definita come “massaggio cerebrale” o “formicolio alla testa” in grado di produrre un effetto calmante e rilassante. Nel 2009 viene caricato il primo video whisperer in cui la creatrice afferma di aver creato il canale perché amava ascoltare le persone sussurrare.

Il fenomeno si è prontamente espanso. In poco tempo sono stati aperti numerosi canali dedicati all’ASMR e da allora ogni giorno vengono caricati centinaia di video che vantano centinaia di visualizzazioni. Il fenomeno ha avuto una portata mediatica molto imponente e in ogni parte del mondo si hanno rappresentanti ASMR (sebbene in Italia sia ancora pressoché sconosciuto). Nel 2012 viene designato il 9 Aprile come il “Giorno Internazionale dell’ASMR”: questo, viene spesso associato al fenomeno dei toni binaurali (battiti che vengono percepiti dal cervello quando due suoni vengono ascoltati separatamente attraverso degli auricolari. I suoni non devono avere una frequenza troppo alta e troppo discostata, altrimenti verrebbero percepiti come distinti) e al fenomeno sensoriale-percettivo della sinestesia. Si fa riferimento a quelle situazioni in cui la stimolazione uditiva, olfattiva, tattile o visiva evoca una reazione sensoriale in cui il contatto, la presenza di un odore o di un sapore, rimanda ad un’altra reazione sensoriale (ad esempio la vista della frutta è percepita anche come sapore). Tale fenomeno viene spiegato con il fatto che i nostri sensi, pur essendo autonomi, non agiscono in maniera del tutto distaccata dagli altri. Studiosi come Tom Stafford (esperto di psicologia e scienze cognitive presso l’Università di Sheffield) affermano che è molto probabile che il senso di rilassatezza prodotto dagli stimoli uditivi e visivi dell’ASMR sia reale, sebbene al livello attuale sia ancora difficile attuare delle ricerche in merito poiché si tratta di un’esperienza interiore che non capita a tutti e di fronte al quale è difficile capirne le cause.

Chi osserva i video caricati su YouTube dalla moltitudine di persone che percepisce il fenomeno, afferma che l’ASMR risolve problemi d’insonnia, sensazioni di ansia o attacchi di panico: tuttavia, la mancanza di prove scientifiche, non permette ancora di riconoscerlo come un reale fenomeno fisiologico.

Redazione Centrale

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine