Rwf 2013 FNM

Di Martina Morlé

RWF: i vincitori.

I vincitori della prima edizione del Roma Web Fest: Le Cose Brutte e Stuck.

 

“Il Roma Web Fest non finisce qui…” così Janet de Nardis e Maximiliano Gigliucci hanno salutato il pubblico nell’ultima giornata di festival. Un trionfo di emozioni, di volti nuovi, di idee e di personalità importanti; un abbraccio tra innovazione e tradizione, uno scambio tra chi già sa e chi sta imparando. Il Roma Web Fest ha raggiunto il suo scopo e molti gliene saranno grati; premi, assegni e tanti complimenti… il talento dei più meritevoli è stato finalmente riconosciuto.

 A rendere onore ai vincitori, Marco Bonini, Roberto Ciufoli, Giampaolo Morelli e tantissimi altri; il RWF è stato un vero e proprio successo per tutti, organizzatori e concorrenti inclusi. Per alcuni la vittoria è stata del tutto inaspettata, per altri è diventata lo scopo del prossimo anno; nell’aria (e soprattutto in rete) c’è fermento, e chissà quanti altri autori, attori e registi emergeranno nei prossimi mesi.

RWF vincitori Le Cose Brutte FNM

Una delle più premiate, la web serie Soma: miglior sigla, titoli e link e miglior web serie horror, con targa consegnata direttamente da Roberto Ciufoli; Lost In Google premiata da Giampaolo Morelli per la miglior scena d’azione e poi ancora Run away per la miglior colonna sonora con premio consegnato da Alvaro Moretti direttore di Leggo. I titoli più importanti sono andati alle web series Le cose brutte e Stuck; entrambe avevano già ricevuto rispettivamente il merito per la miglior scena comica e il miglior montaggio, ma evidentemente ciò non bastava. Infatti, Le cose brutte ha ricevuto il premio di miglior web serie italiana, ottenendo una borsa di studio presso lo IED e la possibilità di volare a Los Angeles, mentre a Stuck è stata consegnata la targa più grande in assoluto per la miglior web serie del Roma Web Fest.

Roma Web Fest 2013 FNM

Adesso che è stato messo in chiaro chi ha lavorato bene e chi meno, sarebbe opportuno che i vincitori, oltre alla targa, ricevessero anche delle opportunità più concrete, un lavoro ad esempio. Non a caso, Valentina Izumi (Stuck), si è fatta attendere per il ritiro del premio di miglior attrice a causa di altri impegni lavorativi, probabilmente non molto entusiasmanti. Così, senza  troppi giri di parole, Izumi ha avanzato una proposta ai giurati presenti in sala: “Fate lavorare le attrici di web serie!”.

Per leggere l’articolo sulla prima giornata di Roma Web Fest, clicca qui.

Per leggere l’articolo sulla seconda giornata di Roma Web Fest, clicca qui.

Per leggere l’intervista a Janet De Nardis, clicca qui.

Redazione

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine