6

Di Andrea Festuccia

Lo spumante degli abissi.

Bottiglie di spumante che diventano oggetti “cult”, perché invecchiate 60 metri sotto il mare e rese uniche dalle incrostazioni marine: è il sogno realizzato da una ragazza ligure.

 

Capita spesso di voler creare un evento unico nel suo genere, che gli ospiti ricorderanno a lungo: per farlo, bisogna curare tutti i particolari, dagli inviti al design al catering. Già, il catering: avete mai pensato di versare nei calici dei vostri ospiti uno spumante “unico” già a partire dalla bottiglia? La soluzione l’ha creata Marta Lugano, una giovane imprenditrice vitivinicola, che fa invecchiare il suo spumante direttamente sotto il mare, che diventa una cantina vera e propria: il moto ondoso “gira” le bottiglie (quelle di spumante, a differenza di quelle di vino, vanno girate a mano periodicamente), la profondità di 60 mt, temperatura costante +15°, penombra, contropressione e una serie di fattori favorevoli fanno il resto e si ottiene uno spumante esclusivo.

5

L’idea venne al papà di Marta anni fa, pensando agli antichi relitti dei galeoni in fondo al mare, che più volte hanno restituito prodotti alimentari, come il vino ottimamente conservati e dalle caratteristiche organolettiche intatte.

2

Ma ciò che rende davvero uniche le bottiglie è, oltre all’eccellente contenuto (Marta ha vinto l’ultima edizione degli “Oscar Green”, i premi per i giovani agricoltori della Coldiretti), anche il vetro esterno: ogni bottiglia un’opera d’arte, con incrostazioni marine, conchiglie, alghe e tane di pesci che decorano il vetro. 
E’ nato così lo spumante Abissi, ricercato da tutto il mondo. A proposito, non manca poi così tanto alle feste di fine anno: se volete assicurarvi una bottiglia, vi conviene prenotarla subito… la trovate QUI!

FNM2

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine