crowdfunding-fnm

Di Denise Ubbriaco

Crowdfunding.

Crowdfunding: nuove forme di finanziamento per il cinema.

 

Avete mai sentito parlare di crowdfunding? Traducendo alla lettera significa: “finanziamento da parte della folla”. Di che si tratta? Si può definire una “bacheca” imprenditoriale. Come funziona? Se qualcuno ha un’idea per la cui realizzazione è necessario avere capitali, la illustra (o meglio la “posta”) su un apposito sito Internet e chiede il “finanziamento alla folla”. Se la “folla” approva il progetto e lo ritiene valido, lo finanzia, in caso contrario non se ne fa nulla. Semplice, no?

Magari, vi starete chiedendo qual è la differenza fra questa forma di finanziamento ed il tradizionale investimento nell’Impresa. Ecco sciolto ogni dubbio. Nel crowdfunding, il finanziatore non richiede, in cambio del suo denaro, un profitto economico. Il finanziamento avviene per sostenere un’idea che piace e in cambio si guadagnano tutti i benefici (in inglese perks) connessi all’idea, non al profitto. Da questa tipologia di investimento deriva la soddisfazione di aver partecipato, attraverso l’investimento di pochi euro, alla realizzazione di un’impresa che ci sembra meritevole d’essere realizzata. Nel crowdfunding ci sono tanti che investono un paio di euro, dieci o quindici, anzichè pochi che ne investono un’ingente quantità.

In molti sono stati attirati da questa forma di finanziamento, in particolare i creativi. Il vantaggio di cercare finanziatori su Internet è che potrebbero essere numerosi. Lo svantaggio? I progetti a forte caratterizzazione locale sono meno finanziati di quelli in astratto “mondiali”.

Fashion News Magazine- Dragons

Uno dei principali siti di crowdfunding è Indiegogo. Sulla pagina di Indiegogo, scopriamo l’offerta dello sceneggiatore Stefano Voltaggio (conosciuto in Italia soprattutto per Il Commissario Nardone di Rai Uno) che chiede alla rete sostegno economico per scrivere dodici episodi di una serie televisiva sul petrolio, sulla finanza e sulla politica internazionale dal titolo italiano “I Draghi”. Il titolo che compare su Indiegogo è “Dragons”.

Stefano Voltaggio ci parla della trama: “I Draghi è una storia sulle varie teorie del complotto, connesse con il Potere e su ciò che più condiziona il nostro mondo: l’Energia. Chi controlla le fonti energetiche, nella nostra Società come in tutte quelle passate, presenti e future, controlla anche tutto il resto. Per me, il tema del Potere, quello vero, quello occulto, che sfugge al controllo democratico, è l’unico oggi veramente interessante per qualsiasi sceneggiatore o scrittore. Perché è un tema che li ricomprende tutti: anche quello dell’Amore.

Il crowdfunding è un’idea geniale e funziona. Sapete perché funziona? Perché la gente si mette nelle condizioni di aiutare il prossimo a realizzare i propri sogni. Ci sono campagne su Indiegogo che raggiungono il milione di dollari, grazie a migliaia di sottoscrizioni in cambio delle quali c’è un semplice ringraziamento da parte dell’autore del progetto. L’importante è esporre il progetto, spiegando: cosa si vuole realizzare, cosa occorre, cosa si dà in cambio.

E voi? Avete qualche idea nel cassetto che non aspetta altro di esser tirata fuori, ma finora avete rimandato per mancanza di fondi? No problem, ricorrete al  crowdfunding!

 22.11.2013

News

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine