fashion news magazine

Di Nicola Ievola

Vivienne Westwood.

Vivienne Westwood ha disegnato e curato i costumi per l’International New Year’s Day Concert, tenutosi a Vienna e trasmesso al pubblico in mondovisione.

 

La Maison anglosassone Vivienne Westwood è stata per disegnare e curare i costumi per l’International New Year’s Day Concert, tenutosi il 1° Gennaio 2014 a Vienna e trasmesso in mondovisione dal canale BCC.

I danzatori della compagnia del Vienna State Ballet, che si sono esibiti sia per l’intramezzo musicale che per il Valzer, durante il prestigioso e attesissimo concerto della Filarmonica di Vienna, appuntamento atteso da tutti gli appassionati di musica classica che si lasciano trasportare dalla magia che si crea appositamente presso la Sala d’Oro del prestigioso Musikverein, hanno indossato creazioni inedite  e appositamente create da Vivienne Westwood.

Andreas Kronthaler, Direttore Creativo della Maison Vivienne Westwood, ha dichiarato : “Mi sono sentito onorato dalla richiesta di realizzare i costumi di scena per il corpo di ballo del New Year’s Concert, che rappresenta per me un evento profondamente significativo. Sono cresciuto guardando ogni anno questo spettacolo, diventato parte dei miei ricordi legati al Natale.”

Kathrin Menzinger, che si è esibita nel Donauwalzer, durante lo spettacolo ha indossato l’abito ‘Moon’ in taffetà di seta, ispirato alla Sfilata Vivienne Westwood Gold Label Primavera-Estate 2014, realizzato per l’occasione in bianco e nero con la stampa ‘Absence of roses’. Per dare un tocco di femminilità all’abito, sono stati aggiunti dettagli in delicato pizzo bianco, maniche di ciniglia ricamata di colore lilla e una ghirlanda di rose in tulle bianco nei capelli. Mentre il ballerino Vadim Garbuzov, ha indossato la giacca ‘ Monkey’, realizzata in moirè di seta e pantaloni da uniforme tagliati, con quattro centimetri di seta nera e una fascia classica di seta nera.

Durante il primo Valzer i ballerini indossavano giacche doppiopetto con code, di colore blu notte, bianco e nero, con revers in satin a contrasto. Ogni look era completato da una fascia, da morbide calzamaglie e slipper con un fiocco di raso. La prima ballerina indossava l’abito ‘Bird Of Paradise’ in bordeaux con fiocco e sottogonna in tulle. La seconda ballerina indossava un abito giallo ranuncolo ispirato alla collezione Primavera – Estate 2005, ‘ Ultra Femininity ‘. La terza danzatrice è entrata in scena indossando un ‘Bronze SOL Dress, concepito per l’occasione in check verde acqua, corpetto in taffettà di seta, gonna grigio chiaro e sottogonna di tulle bianco.  A seguire una danzatrice fluttuava con un lungo abito ‘Paperbag Frill’ realizzato con strati e strati di pizzo in fine color crema, abbinato ad eleganti lunghi guanti in pizzo e morbide slipper di raso color pesca. Infine, la quinta ballerina indossava  il ‘Dame Corset’ concepito con una gonna a più strati in pizzo di colore dorato e bronzo chiaro e tulle.

Durante la seconda parte dello spettacolo è andata in scena un’interpretazione della Polka, eseguita dal Vienna State Ballet. Per la realizzazione dei costumi, i designer hanno tratto ispirazione dal tradizionale tartan scozzese. Le ballerine indossavano corti kilt con sottogonna di tulle, un look prevedeva un bustier in tartan e una camicia in taffetà di seta, con papillon, calze parigine e giarrettiere nella medesima fantasia, l’altro look prevedeva l’iconica Dumbar Jacket, in tartan. Il look maschile per la Polka constava di un kilt di colore blu, una giacca da ballo indossata qui con il tradizionale gilet in tartan Scozzese, una camicia e una borsa di cuoio per ricreare il caratteristico e storico look Scozzese.

Photo Credit: ORF/ Günther Pichlkostner

07.01.2014

  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • njballett_katha_00-2
  • orf_neujahrsballett_2014_02
  • orf_neujahrsballett_2014_03
  • orf_neujahrsballett_2014_06

Nicola Ievola

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine