Router --- Image by © Tetra Images/Corbis

Di Roberto Aloia

Sei connessoooooo? Come?

Piccola guida per internauti.

 

“Tecnologia”. La nuova rubrica di Fashion News Magazine firmata da Roberto Aloia, un ingegnere informatico appassionato di tutto quello che è tecnologico.

Ringrazio il Direttore del magazine Barbara Molinario per questa opportunità e spero che troverete interessanti i miei articoli.
Non parlerò solo di tecnologia nel senso stretto della parola ma mi occuperò anche degli aspetti che derivano dall’uso di ques’ultima e di come ha cambiato il mondo che ci circonda.

Bene, dopo un piccolo trafiletto di introduzione, vi propongo il mio primo articolo.

Tecnologia alla portata di tutti, web pieno di contenuti, televisioni online, facebook e mille altre diavolerie. Possibile che oggi siamo immersi più che mai nel bisogno di oggetti tecnologici?
La risposta è “SI”.

Milioni di persone usano il mezzo tecnologico principalmente per lavoro e non ne possono fare a meno viste le incalzanti richieste di risposte “veloci” e la possibilità di condividere a distanza quasi tutto.
“Velocità”, SI…è questa la “keyword”, parola chiave usata in gergo tecnico che racchiude questi tempi “tecnologici” e pone le basi di una continua ricerca all’oggetto più veloce e più prestante.
Già, si parla di velocità, ma in realtà a cosa ci serve?Qual’è il giusto compromesso?

Molte persone pensano che una “semplice” connessione 4-6 megabit casalinga non sia sufficiente a colmare i loro fabbisogni…e si sbagliano, o quasi…
Generalmente una banda di 4-6 megabit è sufficiente a navigare, leggere la posta elettronica, chattare e inviare dei documenti.
La società di oggi vuole dimostrare il contrario, ovvero che senza una 10 megabit non possiamo “vivere” e che la connessione del vicino è più veloce della mia perché ha quel determinato gestore.
Si, gestore, è qui la chiave di tutto...è vero che il web, diventando multimediale, ha bisogno sempre più di velocità, in verità sono i contenuti video che generano molto traffico ed ovviamente sono una buona base per vendere offerte da 20 megabit ai clienti residenziali.
Se poi leggiamo bene i contratti che ci offrono e siamo a conoscenza dei canoni di qualità del servizio, capiamo subito che non è “tutto oro quello che luccica”.

Vediamo in dettaglio gli indicatori relativi alla qualità della nostra connessione:

  1. Velocità di trasmissione dati;
    fornisce informazioni riguardo alla capacità della rete d’accesso di trasmettere dati dal terminale verso Internet e viceversa.
  2. Tasso di insuccesso nella trasmissione dati;
    fornisce informazioni riguardo alla probabilità che i dati siano trasmessi con successo quindi che ci siano meno errori possibili.
  3. Ritardo di trasmissione dati in una singola direzione;
    fornisce informazioni riguardo al tempo necessario per trasmettere pacchetti dati (di piccole dimensioni) verso la destinazione (molto importante per le trasmissioni audio-video).
  4. Tasso di perdita pacchetti;
    fornisce informazioni riguardo alla probabilità che i dati siano trasmessi con successo. Durante la richiesta della pagina web di un sito, se alcuni dati vengono persi, il nostro computer dovrà chiederli nuovamente allentando la visualizzazione del sito e del contenuto web.

E’ bene ricordare che l’operatore scelto sul contratto “deve” indicare la banda minima in UPLOAD e DOWNLOAD visto che la famosa frase “Connessione a 10 mbit” è forviante ed indica solamente la massima velocità raggiungibile in download ovvero quando “scarichiamo” un video o un contenuto web.

La “banda minima garantita” è uno dei pochi valori semplici e riscontrabili (se non è scritto sul contratto è bene chiederlo e vedere se è scritto sul loro sito) che mette al sicuro il cliente da brutte sorprese.

Per approfondimenti e test della vostra linea è a disposizione un sito dell’AGCOM: http://www.misurainternet.it

 

GLOSSARIO TECNICO:

Megabit: un’unità di misura della velocità di interscambio delle informazioni in Rete.
Un Megabit è costituito da un milione di bit.

Keyword: parola che consente di accedere a un documento o a un programma.

Banda Minima garantita (MCR): è la velocità minima che un provider di connessione a Internet è in grado di garantire all’utente in qualsiasi momento.

Roberto Aloia

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine