big bamboo fnm1

De Biase Alba

Do you want a Big Bamboo?

Questa settimana su Red Lips: Il turismo sessuale femminile: dall’Africa all’America latina, alla ricerca del Big Bamboo.

 

Kenya, Jamaica, Capoverde, SantoDoming, Magreb, Tanzania e Gambia, queste le mete preferite dalle donne in cerca di emozioni. Le donne come gli uomini, alla ricerca di avventura, sono inglesi, francesi, americane, italiane, possibilmente ricche e magari non proprio in forma, che in cambio di denaro, affittano il loro beach boy di turno. Il beach boy, che assume un nome diverso a seconda del continente in cui si trova: kamakia in Grecia, shark (squalo) in Costa Rica, rent-a-dreads nei Caraibi, kuta cowboys a Bali. Oppure Marlboro men in Giordania, bumster in Gambia o jinetero a Cuba, offre oltre a prestazioni sessuali, anche gentilezze e premure d’altri tempi.

A richiederli molto spesso non sono le donne, in ogni caso consapevoli del servizio disponibile in questi paesi, ma sono gli stessi big bamboo a proporsi, che in cambio di denaro ,diventano amanti fedeli per una, due settimane, il tempo di una vacanza, insomma. Durante il soggiorno le donne li mantengono, ospitandoli in alberghi di lusso e facendo loro regali costosi, in cambio i bei ragazzoni, si prendono cura di loro, aprono l’ombrellone, offrono gentilezze e attenzioni.

IL film Paradise in Love, uscito nel 2012 e diretto da Ulrich Seidl, affronta proprio questa tematica, dall’epilogo triste, le protagoniste in questione infatti, chiamate in Kenia “Sugar Mamas”, passano da un uomo all’altro e da una delusione all’altra, perché si sa le donne alla fine cercano l’amore e questi bei big bamboo invece, lasciano loro soltanto una grande solitudine.

Le donne, infatti, non accettano l’idea di pagare per fare sesso, ma credono al contrario, di aver fatto una buona azione e aver contribuito all’economia del paese.

Le motivazioni sono varie, c’è chi vuole semplicemente un’avventura per sfuggire alla routine, chi vuole dimenticarne un’altra, chi vuole lasciarsi alle spalle una storia, chi vuole semplicemente sentirsi di nuovo giovane e desiderata, d’altronde si sa: “Once you go black you’ll never go back”e non ci sono motivazioni che tengano.

Alba De Biase

Comments are closed.

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine