Intervista a Linda Pavlova

 

Linda Pavlova FNM

Di Martina Morlé

Intervista a Linda Pavlova

Da icona delle principesse in Kuwait al grande schermo!

Quando le aspirazioni sono tante ma il futuro non dà alcuna certezza, l’unico modo per vincere è partire. Lo dimostrano i più grandi e lo dimostra chi, contro tutto e tutti, ha scelto di essere il punto fermo della propria vita. Perché quando si ha la sicurezza di valere, non si ha paura di nulla. Le lingue si imparano, sul lavoro ci si distingue e, pian pianino, si arriva ai riconoscimenti più inaspettati. Che dire? Questa è la storia di Linda Pavlova. Un sogno di donna e futura professionista che, in brevissimo tempo e totalmente dal nulla, ha ottenuto importantissimi meriti nel campo della moda e che, ben presto, farà parlare di sé anche in ambito cinematografico…

 Sono curiosa di conoscerti meglio, parlami un po’ di te…chi è Linda?

“Una ragazza che è venuta a Roma un anno e mezzo fa, per avventura. Mi sono trovata molto bene, mi piace vivere qui, ma lavorativamente parlando non credo sia il periodo giusto. In Slovacchia sono laureata sia in Pubbliche Relazioni che in Lingua Inglese e Cultura, speravo che il mio paese potesse offrirmi un lavoro in quest’ambito, ma non ho trovato nulla di fisso. Così, ho deciso di partire…ed eccomi qua! Nonostante tutto, non mi sono mai pentita di questa scelta, perché dal punto di vista linguistico mi ha dato la grande opportunità di imparare l’italiano.”

Ho visto che hai sfilato per grandi stilisti, da dove nasce questa passione per la moda?

“A 13 anni amavo già tantissimo la moda, ma ho continuato a studiare altro perché in Slovacchia il lavoro di modella o attrice non sempre viene visto di buon occhio. Infatti, anche stando qui in Italia, ho capito che purtroppo si tratta di un lavoro non troppo sicuro. Ma la “voglia di moda” sempre costante mi ha spinta a continuare su questa strada: ho vissuto un’importante esperienza negli Stati Uniti dove ho studiato per un anno come ambasciatrice slovacca scelta dal Rotary International, poi sono stata protagonista di qualche photo shooting anche in Grecia. Ma tutto ciò non mi ha mai dato grande sicurezza, così mi sono detta: “Quest’anno a Roma diventerà il mio lavoro!”.”

Attrice, modella, icona delle principesse in Kuwait…

“Sfilando durante la Roma Fashion Week nell’evento “World of Fashion 2014” diretto da Nino Graziano Luca  ho avuto l’opportunità di essere testimonial della grande stilista Awatif Al Hai che mi ha proposto un importante servizio fotografico in Kuwait per abiti da sposa delle principesse arabe.”

C’è un’esperienza di cui vai particolarmente fiera?

“Sì, anche se riguarda un periodo brevissimo. Nella Fashion Week di Roma dello scorso Luglio sono stata scelta come testimonial da Ivan Donev, uno stilista bulgaro emergente: è stata un’esperienza importante perché, per la prima volta, è stato fatto il mio nome e non solo quello dello stilista, una cosa rarissima  per una modella ma che, nel mio caso, si è ripetuta anche quest’anno a Gennaio. Insomma, sono molto orgogliosa del mio percorso perché, a ripensarci, un anno fa, non mi conosceva nessuno. Mi sono fatta strada da sola e voglio continuare a crescere sia nella moda che nel cinema; un anno fa ho vinto il titolo di Miss Cinema Europa 2013, con due anni di borsa di studio di recitazione. La fortuna ha voluto che due mesi dopo facessi un provino con il regista Giacomo Campiotti e che fossi selezionata per il ruolo di una delle due gemelle Kessler nel film “Non è mai troppo tardi” che è andato in onda su Rai Uno.  Ora sono impegnata in un workshop con la Film Academy di New York, un’altra grande fortuna che devo al mio amico attore Marco Iannone perché senza aver interpretato un grande ruolo in un grande film, di solito non si potrebbe…lo sai, no?”

Linda Pavlova Kessler FNM

Che progetti hai per il futuro?

Il mio sogno è Hollywood! Mi piacerebbe recitare in tantissimi film internazionali, in inglese, ovviamente!

E noi di FNM te lo auguriamo, in bocca al lupo Linda!

Tags: , , , ,