Girlpower: Le principesse Disney vestono di blu

Un simbolismo che rivela il potere delle donne.

Rosa per le bambine, blu per i maschietti. La distinzione dei colori di genere è vecchia un secolo, e oggi, tempo di sregolatezza e (r)evolution, viene abbondantemente superata. Gli uomini si permettono di indossare il rosa shocking, le donne il blu (o qualsiasi altro colore) con molta nonchalance.

E le principesse? Abbandonate l’idea del rosa candido e ingenuo, se non l’aveste ancora notato le eroine Disney della nostra infanzia indossano spesso abiti blu! Un inno al girlpower, non una casualità. Leatrice Eiseman, executive director del Pantone Color Institute, rivela infatti che si tratta di un modo alternativo per comunicare che “Le giovani ragazze possono avere potere. Si aggiunge un po’ di empowerment vestendole con il colore blu”, spiega – “colore tradizionalmente attribuito ai ragazzi con il significato di una persona forte e rispettabile”. Un simbolismo che piace e che si inserisce perfettamente in una società nata uomo, in cui donne come Alice, Belle, Elsa, Rebel, Cenerentola o Mulan, create dal genio Walt, fanno valere la loro indole.

Pensate a quest’ultima, la fiaba narra di una Mulan derisa dall’intero villaggio per la sua goffaggine, ma lei, all’oscuro da tutti, sta combattendo per salvare niente-poco-di-meno-che la Cina intera. Ingegno, coraggio e audacia la contraddistinguono: non ha avuto bisogno di essere uomo per realizzare la sua eroica missione. O ancora ricordate i riccioli rossi di Rebel? La cocciuta ragazza che vuole rimanere single, a dimostrazione che convolare a nozze non è sempre una priorità nella vita di una donna. I capolavori Disney, in sostanza, sono sempre stati un po’ più avanti. L’idea del girlpower, infatti, negli anni ’90 iniziava a far capolino e la casa cinematografica più amata al mondo faceva suo il mood in questione. Disney è donna, è uguaglianza di genere, è futuro.

Sognare con le pellicole fiabesche è dunque lecito perché, è assodato, le principesse della nostra infanzia possono indubbiamente essere considerate “eroiche muse ispiratrici”.

Tags: , , , , , , , , , ,