Come sconfiggere la fame nervosa

Ecco i consigli della nostra consulente di benessere, Diet Trainer e life coach.

Una passeggiata con le amiche, una telefonata ad un amico/a, un contatto con un coach, una richiesta d’aiuto a chi conosce già il problema, uscire e camminare sul corso principale della propria città, tra la gente, indossando l’abito più bello posseduto.

Magari dopo una seduta dal parrucchiere piuttosto che restare chiuse dentro casa per sfogare i propri nervosismi e le proprie tensioni sul cibo, visto come rifugio e mezzo per riempire un vuoto, può costituire un giusto rimedio.

Fare power walking in outdoor e guardarsi intorno, il cielo, il paesaggio, le chiacchiere con l’amica se si decide di uscire insieme, alza i livelli della serotonina e permette di liberare endorfine; un mix ideale per migliorare uno stato d’animo compulsivo verso il cibo.

Tutto che possa portarci “in esterno”. Esterno al nostro problema, esterno al nostro corpo, alle nostre sensazioni di ansia.

Perché si mangia anche quando non si ha fame. Si mangia perché si avverte un vuoto da colmare; e quello spazio è sempre troppo piccolo per contenere tutto il cibo che vorremmo ingoiare e che ci fa sentire in colpa subito dopo.

La fame nervosa ha luogo quando i livelli di serotonina scendono. I giusti cibi e la giusta integrazione possono aiutare a risollevare tale calo.

I rimedi dai cibi…

Prediligi i cibi sazianti:

Frutta: ananas, arancia, kiwi, mandarino, papaia, pompelmo e mango con un vasetto di yogurt magro

Verdura: cavolo rosso, carota, cicoria, lattuga, rucola, spinaci e zucca gialla accompagnato da bresaola o seitan o uova sode (permessi solo 2/3 albumi a settimana: prediligere i tuorli) o tofu o proteine pure

Pesce: acciuga, aringa, salmone, sardina, sgombro, tonno, trota e branzino

Carne: manzo, pollo, tacchino e vitello

Latte e derivati: latte magro, yogurt, ricotta e fiocchi di latte  

Saziarsi con i semi – I semi di girasole, semi di sesamo nel the verde o tisana dolcificato con dietic o sciroppo di acero, oppure semi di zucca  che contengono sostanze dall’elevato potere saziante: ne bastano pochi pugni al giorno.

Saziarsi con le spezie – Se cucini speziato, rimani sazia più a lungo: condisci i tuoi piatti con pepe, curcuma, peperoncino, cumino, paprica, zenzero e cannella.

Evita i cibi che stimolano la fame – Scatenano la fame nervosa:

– Caramelle e dolcetti ricchi di zucchero

– Prodotti da forno realizzati con farine bianche

– Bibite zuccherate (ma anche quelle a zero calorie) e alcolici

– Insaccati e alimenti grassi in genere

– Alimenti conservati sott’olio

– Maionese e tutte le salse ipercaloriche

– Patatine e snack salati

– Cibi che contengono additivi, soprattutto glutammato ed edulcoranti di sintesi…e dagli integratori

Gli integratori anti-fame nervosa – I più efficaci sono il magnesio (meglio in polvere dentro acqua tiepida, al bisogno), la rodiola e l’alga spirulina. Quest’ultima, grazie all’alto contenuto di vitamine, minerali e proteine vegetali, esercita un’azione equilibrante e anti-fame.

  • Integratori a base di Garcinia Cambogia (l’acido idrossicitrico in essa contenuto inibisce la formazione di acidi grassi, riduce la formazione di acidi grassi dai carboidrati, blocca l’accumulo di acidi grassi nel tessuto adiposo, riduce il colesterolo LDL dal sangue.) Agisce producendo termogenesi. Ed è un ottimo antiossidante per il suo alto contenuto di vitamina C.
  • Integratori a base di Griffonia: La Griffonia Simplicifolia è utile a mantenere i livelli fisiologici di serotonina e melatonina necessari per dominare gli STATI DI ANSIA e DEPRESSIONE, nonché tenere sotto controllo il DESIDERIO OSSESSIVO DI CIBO (precursore endogeno della serotonina 5htp)

Insomma non avete più scuse: agite! Avete gli strumenti: usateli! Sentitevi il sole dentro e la notte non arriverà mai più!

Visto su FNM Magazine.

Tags: , , , , , , , ,