FNM Book – “Nessuno può volare” di Simonetta Agnello Hornby

In “Nessuno può volare” Simonetta Agnello Hornby ci parla di come sentirsi normali anche quando non lo si è.

Nessuno può volare

Tutti ricordiamo Simonetta Agnello Hornby per il libro La Mennulara, il suo primo romanzo pubblicato da Feltrinelli e tradotto in tutto il mondo. Ma lei di opere di successo ne ha scritte tante, tutti best sellers, da La zia marchesa a La monaca, da Il veleno dell’oleandroCaffè amaro, e tanti altri.

L’autrice nasce a Palermo nel 1945, si laurea in Giurisprudenza e nel 1972 si trasferisce a Londra dove, nel quartiere di Brixton, apre lo studio legale Hornby&Levy, specializzato in diritto di famiglia e minori. Insegna, poi, Diritto dei minori alla facoltà di Scienze Sociali dell’Università di Leicester. Insieme alla sorella Chiara, nel 2014 è protagonista della trasmissione Il pranzo di Mosè su Real Time; nel 2015 appare su Raitre con il figlio George Hornby nel documentario reality show Io & George. Il 2 giugno 2016 le viene conferita l’onorificenza dell’Ordine della Stella d’Italia nel grado di Grande Ufficiale dal Presidente della Repubblica.

Nessuno può volare parla di come sentirsi normale, come gli altri, anche quando non lo si è.

Il romanzo racconta la storia della sua famiglia, una famiglia ordinaria come tante, ma che in realtà di normale ha ben poco. Tanti tasselli, piccoli ritratti di un’infanzia circondata da persone “speciali”, viste con occhi diversi. Sì, perchè si può definire “una persona e i suoi limiti” con parole nuove o concetti affettuosi. Con il dono della leggerezza descrive tutti i personaggi del romanzo con una penna lieve e morbida, a cominciare da Ninì, la cugina sordomuta, presentata agli estranei con un amorevole “Ninì non parla bene” e, poi, la prozia Rosina, incorreggibile cleptomane a cui i parenti si avvicinano di nascosto affinché non se ne accorga, per sfilarle le posate d’argento dalle tasche piano piano perché “non deve sentirsi imbarazzata”; e così via, dall’amata bambinaia ungherese Giuliana un po’ zoppa che “fa fatica a camminare”, al padre con una gamba malata, etc. Persone mai viste come invalide o menomate, ma solo osservate in silenzio dall’autrice da un’altra prospettiva, descritte nella loro quotidianità e riportate nella loro semplicità e unicità agli occhi del lettore.

Infine, c’è lui, il figlio George, a cui a vent’anni, ormai adulto, è stata diagnosticata una sclerosi multipla, ma che non smette mai di amare la vita e di apprezzarla giorno dopo giorno.

La difficile accettazione della malattia del figlio diviene possibile grazie alla nuova chiave di lettura, che gli fornisce egli stesso stesso con il suo entusiasmo e la sua forza e che dà, appunto, il titolo all’opera: Nessuno può volare.

Eh sì, perché come noi non possiamo volare, eppure volare è un sogno di tutti, così George non può camminare. E la vita si può vivere lo stesso, solo in modo differente.

Troveremo la voce di George che si alterna a quella della madre: meraviglioso ragazzo che, con il suo ironico accento, fortemente british, ci racconta gli innumerevoli ostacoli di chi come lui è costretto su una carrozzina.

Nessuno può volare è un progetto editoriale articolato, dove narrativa e televisione sono integrate: il 25 ottobre, infatti, è stato trasmesso il docu-film realizzato da Pesci Combattenti in coproduzione con Effe Tv (Canale 139 Sky), per la regia di Riccardo Mastropietro: un viaggio compiuto lungo lo Stivale da Simonetta e dal figlio George. Un percorso interiore che diventa, attraverso lo schermo, un viaggio fisico, intellettuale ed emotivo, da Roma a Firenze e fino alle colline del Nord. Un itinerario fra le bellezze di un Paese, dove si racconta la disabilità attraverso la lente della cultura, dell’arte e della storia e dove altri disabili si avvicendano e si affiancano a loro, portando ognuno il proprio racconto di vita e… anche di speranza. Una visione diversa, come un volo sopra i pregiudizi e i luoghi comuni, per restituirci, unitamente ad altre storie toccanti, uno sguardo più reale, più attuale.

 

Editore: La Feltrinelli

Prezzo: 16,50 Euro

Tags: , , , ,