• Home
  • Sfilate
  • A Paris Haute Couture debuttano Sonia Rykiel e Aganovich

A Paris Haute Couture debuttano Sonia Rykiel e Aganovich

Sfilano a Parigi le collezioni Haute Couture dell'autunno 2018

Ha avuto inizio ieri, 1 Luglio, la rassegna moda più elegante fra tutte: la settimana dell’Haute Couture di Parigi. Fra i debutti, quello di Aganovich e di Sonia Rykiel. Givenchy celebra il suo fondatore, Hubert de Givenchy, con fashion show tributo che reinventa l’estetica iconica che ha reso questo marchio fra i più amati a livello internazionale. Fiore all’occhiello della prima giornata di sfilate, Azzaro Couture, con il suo mood tropicale, wild e sensuale. 

Azzaro Couture: ideata da Maxime Simoëns, la collezione di Azzaro Couture ci riporta più all’estate che all’autunno, ma in senso buono! Ci si addentra nella Fall 2018 a piccoli passi, senza lasciarci alle spalle quel mood tropical che caratterizza le spring/summer collections. Con una scenografia dove a far da protagoniste sono le foglie appuntite delle palme, sfilano outfit giovanili caratterizzati da tessuti metallici, mini dress, stampe tropicali, papiri tridimensionali applicati, colori vivaci ed arricchiti da cristalli. Le profonde scollature a V, rendono la sensualità della donna Azzaro estremamente raffinata. Una collezione Couture che diventa easy to wear grazie alle flat shoes, agli stivali, alle cinture bold ed a capi più street come il bomber, rivisitato in una versione extra-luxury con borchie in cristallo. Questo viaggio jungle, oltre ai Palms print, tocca anche le stampe rettile e poi si sposta in occidente con un tartan irridescente. Trasparenze a regola d’arte, dove frange metalliche, perline, paillettes e cristalli compongono intarsi degradè ad effetto-wow. Una giovane donna, wild e rock!

Aganovich: sfila per la prima volta nel calendario Haute Couture il brand Aganovich di Nana Aganovich e Brooke Taylor. Nelle parole della designer: “La simpatica strategia che stiamo cercando di attuare è quella di dividere le necessità commerciali da quelle artistiche. Questo significa che i patterns e le varianti di questi modelli, sono anche disponibili per il ready to wear. Un processo super-soddisfacente”. La donna Aganovich si immerge in un’atmosfera vittoriana e teatrale, che un po’ ricorda Vivienne Westwood. Gli outfit sono caratterizzati da ruches iper-voluminose, dal black&white, da broccati che sanno di vecchie tappezzerie e dai drappeggi. Spazio anche al rinascimento con ghette bianche, mocassini damascati e parrucche stravaganti. A questi elementi si aggiunge la nota rock di giubottini, calzini e guanti in pelle. Un mix non troppo originale, che vorrebbe porsi come qualcosa fuori dagli schemi, risultando, invece, un “sopra le righe” che sta dentro tutti i canoni dell’estetica estrosa.

Givenchy: dopo la dipartita di Hubert de Givenchy, avvenuta lo scorso Marzo, Clare Waight Keller ha deciso di omaggiare il designer in una collezione tributo che rivisita i canoni di eleganza della maison francese. I completi garçonne, i total black o i tagli trasversali non mancano in questa rielaborazione della nota eleganza che ha vestito l’iconica Audrey Hepburn. C’è una visione moderna nei tessuti metallizzati, nei piumaggi, nei volumi, nei plissé, ed in particolare, in un abito con maxi mantello che ci ricorda la Principessa Leia della nuova trilogia di Star Wars. Degno di nota è l’accostamento degli abiti ai pantaloni straight, o, ancora, i cappucci morbidi dall’allure misteriosa e carismatica. I gioielli sono importanti, in metallo, da donna guerriera. Ritorna il doppio bracciale, la cintura rigida. Completano i look pumps in vernice o metallizzate, ballerine flat a punta e pointed boots in pelle.

Sonia Rykiel: per festeggiare i 50 anni del brand e commemorare la regina del tricot, Sonia Rykiel, la head designer Julie de Libran porta in passerella la collezione “L’Atelier Sonia Rykiel” che rappresenta un concentrato di storia del marchio. “Volevo creare un inventario dei capi iconici Sonia Rykiel” spiega la stilista. Non possono mancare, infatti, i caban, i maxi maglioni, i pantaloni tracksuit, il jersey a righe o le gonne culotte. Fra questi, grande attenzione viene data alla maglieria, da sempre punto focale della mason, arricchita da lustrini, frange o ricami con piume di struzzo. I capispalla hanno volumi oversize ed i look sono accessoriati da baschi con piume, borse a mano ed ankle boots a punta.

Tags: , , , , , , , , ,