Polpette della nonna vegan

Direttamente dal cassetto dei ricordi, una rivisitazione in chiave 100% vegan delle classiche polpette della nonna. Per rivivere l'infanzia nella sua versione più salutare!

Come ogni goloso che si rispetti , ho una reale forma di ossessione per le polpette! Se penso all’aroma della buccia di limone o al gusto unico ed inconfondibile della noce moscata… si scatena subito in me tanto buon umore!

Ho cercato così di riprodurre quell’antico sapore con tutte le mie forze, polpette vegane che fossero accettate universalmente, proprio come quelle della nostra cara e buona nonna . Sapevo che sarebbe stata una dura prova, ma come ormai avrete intuito, miei cari lettori e lettrici, è quando il gioco si fa duro che sfodero tutta la mia fantasia, ma sopratutto la mia pazienza, perché quanti tentativi falliti prima di arrivare a questo risultato che sono davvero orgogliosa di proporvi oggi! Ed è proprio perché sono consapevole di avere un interlocutore dall’altra parte, che sfoggio un senso di positività, che riesco a superare i fiaschi, armata di buon umore. Riuscite a farmi superare i miei limiti e per questo vi ringrazio!

Devo dire che dopo tante ghiottose considerazioni e sperimentazioni, oggi, presento queste mie polpette a testa alta, perché sono certa che possano entrare sulle vostre tavole, portando note di originalità e creatività, ma sopratutto con la leggerezza che contraddistingue le ricette di questa rubrica. Allora bando alle ciance e Bon Appetit! Ingredienti per 14 polpette
350/400 g di melanzane  300g di patate  50 g di farina Buccia di 1 limone Noce moscata secondo gradimento  Una manciata di fagioli (io ho scelto i cannelloni in scatola) Sale  Pepe Olio
 
PROCEDIMENTO Cuocere le patate in acqua bollente per 30 min dal bollore. Sbucciare e tagliare in piccoli tocchetti le melanzane e soffriggerle in una padella con uno spicchio d’aglio, aggiustando di tanto in tanto con un po’ di acqua, finchè non diventino morbide. Unire tutti gli ingredienti schiacciando con una forchetta e dando un paio di passate con il mini pimer. Per finire, aggiungere la farina. Non vi preoccupate se il composto sarà un po’ troppo morbido: quello sarà proprio il  segreto per la buona riuscita e consistenza delle nostre polpette. Formate delle palle grosse come una pallina da “pin pong” e passatele nel pangrattato per poi friggetele in una padella, con poco olio, 3 minuti per lato. Se preferite, ungete leggermente una teglia e cuocetele al forno girandole di tanto in tanto .
Pomodori confit Ungete una teglia con carta forno tagliate a metà i pomodorini, spruzzate d’olio, sale, origano e pepe. Cuocete a 180 gradi per 20 min.
  A cura di Noreen Loiacono e Delfina Mingione 

Tags: , , , ,