• Home
  • Arte&Cultura
  • L’Europa ricorda Leonardo da Vinci a 500 anni dalla sua scomparsa

L’Europa ricorda Leonardo da Vinci a 500 anni dalla sua scomparsa

Il 2019 e parte del 2020 si snodano lungo una fitta serie di eventi internazionali per omaggiare un genio indiscusso e indimenticato.

Un programma di iniziative degne del grande uomo del Rinascimento italiano quale è stato Leonardo da Vinci si appresta ad essere svolto per tutto il 2019 e parte del 2020, in Europa. Ricorrono, infatti, il 2 Maggio 2019 i 500 anni dalla sua scomparsa avvenuta nel 1519. Pittore, scultore, inventore, anatomista, ingegnere militare, scenografo, molteplici furono le attività di Leonardo, per cui ricordarlo è d’obbligo, e costituisce senza dubbio motivo di vanto soprattutto per il nostro Paese, culla del Rinascimento e sua terra d’origine.

Mostre ed eventi sono creati appositamente per omaggiare colui che tra le altre cose incarnò il desiderio innato dell’uomo di superare i propri limiti. I festeggiamenti partono già con il Firenze Light Festival, che dall’8 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019 propone installazioni, spettacoli, giochi di luci, proiezioni, visite nei musei, incontri culturali, il tutto ispirato al grande genio. La suggestiva Sala dei Gigli di Palazzo Vecchio a Firenze ospita la mostra Leonardo e Firenze dal 25 Marzo al 24 Giugno 2019, mentre un’altra esposizione fiorentina, Leonardo da Vinci e la botanica, si svolge dal 13 Settembre al 15 Dicembre 2019 nell’Ex-refettorio del complesso di Santa Maria Novella.

Il Museo di Galileo del capoluogo toscano accoglie il convegno Leonardo: l’universo dei manoscritti nell’ottobre 2019. Da segnalare nello stesso museo, a Maggio 2020, la mostra Leonardo e il moto perpetuo, in collaborazione con il Birkbeck College – University of London. Vinci, sua città natale, festeggia grazie alla mostra Leonardo da Vinci. Alle origini del Genio, dal 15 Aprile al 15 Ottobre 2019; si tratta di un excursus sul legame con la città e sull’influenza che questa diede alla sua attività.

Milano vanta una lunga e importante presenza di Leonardo, e per l’occasione ha istituito il “Comitato di coordinamento Milano e l’eredità di Leonardo 1519-2019”, al fine di ideare iniziative degne del Maestro. La città meneghina dà la possibilità di osservare i disegni preparatori dell’Ultima cena, conservata nel refettorio di Santa Maria delle Grazie; ciò è possibile grazie all’esposizione intitolata Leonardo da Vinci: prime idee per l’Ultima cena, aperta fino al 13 Gennaio 2019 al Polo Museale della Regione Lombardia. Si prosegue poi con il clou delle celebrazioni dal 2 maggio 2019 al 2 gennaio 2020, con protagonista il Castello Sforzesco che vedrà la riapertura della Sala delle Assi, dove poter ammirare da vicino il percorso decorativo di Leonardo. Nella Sala delle Armi verrà inserita una mappatura visiva georeferenziata che consentirà ai visitatori di osservare le sembianze delle città dell’epoca rinascimentale, come se fossero reali.

L’Ente Raccolta Vinciana, collabora con Mibact e Comune di Milano per l’organizzazione a Palazzo Reale di un convegno internazionale di studi dell’ultimo periodo di vita del Maestro, che va dal 1510 al 1519. Il convegno, previsto tra novembre e dicembre 2019, si propone di indagare il rapporto tra le attività teoriche dell’artista e il fallimento dei progetti pittorici, architettonici e tecnico-ingegneristici che gli furono affidati. Ancora a Palazzo Reale, scienza e arte si intrecciano nelle mostre: Il meraviglioso mondo della natura prima e dopo Leonardo, dal 4 marzo al 23 giugno 2019, studia il nuovo modo di vedere la natura in Lombardia; La cena di Leonardo per Francesco I: un capolavoro in seta e argento, dal 7 Ottobre 2019 al 23 Gennaio 2020, dove la copia del Cenacolo realizzato ad arazzo viene esposto per la prima volta in seguito al restauro.

Nella capitale, tra aprile e settembre 2019, la fondazione Primoli ha organizzato presso l’Accademia Nazionale dei Lincei la mostra Leonardo a Roma. Influenza ed eredità. I Musei Reali di Torino espongono a breve l’Autoritratto di Leonardo. Tra il genio e la Francia sono intercorsi solidi legami, e per questo motivo che il Comité de pilotage della Valle della Loira ha organizzato Viva Leonardo da Vinci! 500 anni di Rinascimento nel Centro-Valle della Loira, un tour che riporta lo spirito dell’epoca attraverso undici nazioni e tre continenti che si conclude il prossimo gennaio. Dal 2 maggio al 31 agosto 2019, il castello di Amboise, sede degli ultimi tre anni di vita del Maestro, propone l’installazione dal titolo 1519, Morte di Leonardo da Vinci: la costruzione di un mito. Il Museo del Louvre di Parigi espone il Salvator Mundi leonardesco dal 24 Ottobre 2019 al 24 Febbraio 2020.

Il Regno Unito rende omaggio a Leonardo da Vinci con ben dodici mostre simultanee in diverse località, in cui sarà possibile ammirare 144 suoi disegni. Il Museo Teylers di Haarlem in Olanda ha già aperto le celebrazioni con una mostra sugli studi fisionomici leonardeschi che durerà fino al prossimo 16 Gennaio. Stavanger in Norvegia espone nel primo semestre del 2020 l’esposizione Da Archimede a Leonardo acqua fonte di vita, preceduta nell’autunno dell’anno prossimo da un convegno internazionale sullo stesso argomento.

Tags: , , , , , , , , , , ,