Tevere: Alta Moda

lug 6, 2012

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di Elena Barboni

L’alta moda sul Tevere.

Un reportage di Fashion News Magazine aperto a tutti per gustare in anteprima le nuove collezioni di Haute Couture Romana.

Anche quest’anno l’attesissima settimana d’Alta Moda di Roma è arrivata. Dal 7 all’11 luglio, infatti, gli abili stilisti faranno sfilare la nuova collezione durante il calendario di AltaRoma AltaModa.

Purtroppo non tutti possono partecipare a questo speciale evento come ospiti, ma non temete… questa volta grazie a Fashion News Magazine, al fotografo Salvatore Dragone e alla giornalista Barbara Molinario tutti avremo l’occasione di ammirare le opere d’arte dei nostri amati stilisti.

Contemporaneamente all’AltaRoma, nell’area Creativity Takes Place della manifestazione Lungo il Tevere Roma, dal 7 all’11 luglio, dalle 21.00 in poi, sarà possibile assistere al reportage fotografico delle diverse giornate dell’Alta Moda.

Vi aspettiamo!

 

Nella foto una prewew della collezione Tony Ward

 

 

Read More

Antonella Rossi

apr 26, 2012

AntonellaRossi

di Federica Pasculli

Antonella Rossi: una moda tra arte e poesia

La moda di Antonella Rossi è un mix di arte, poesia, musica e valori. E’ amore per l’eleganza e per l’eccellenza del made in Italy.

Antonella Rossi è una donna sensibile, è innamorata dell’arte e lo è ancora di più del suo lavoro. Al centro della sua moda c’è una grande umanità: i suoi abiti rispecchiano l’anima delle sue clienti, tirano fuori il meglio di coloro che li indossano.

Da dove nasce tutto questo?

La storia del marchio Antonella Rossi parte da lontano, da una passione che sembra essere nel DNA della famiglia della stilista. E’ infatti dall’unione tra il signor Rino Rossi, esperto di tessuti, e la signora Anna Fabiani in Rossi, maestra nel ricamo, che nasce nel 1950 a Empoli l’atelier “Antonella Rossi”, in onore della figlia. Si tratta di una piccola realtà artigianale, in cui la signora Anna, coadiuvata dalla sorella Lina, confeziona e ricama a mano abiti da sposa e cerimonia.

Con l’avvento del prêt-à-porter, negli anni ’70, lo spirito commerciale della signora Anna la spinge a inserire il pronto moda nel negozio, senza rinunciare alla radicatissima produzione sartoriale.

A causa della morte prematura della madre, Antonella a soli 23 anni, lascia gli studi in Lettere e Filosofia e prende in mano le redini dell’azienda.

La stilista non abbandona le sue passioni, bensì le coltiva e se ne circonda durante il suo lavoro. Non è un caso, infatti, che i suoi atelier siano dei veri e propri contenitori privi di arredamento, pronti ad accogliere tele o sculture di ogni sorta.

La filosofia artistica della designer è evidente anche nelle sue fonti di ispirazione: il design, le nuove tendenze musicali (al momento in particolare quelle nord europee) e dello spettacolo, combinati sinergicamente con tutto ciò  che la circonda, con l’energia del vivere quotidiano.

Da sempre ambasciatrice del valore del made in Italy, anche un po’ controcorrente viste le tendenze attuali, Antonella Rossi ha deciso di volgere lo sguardo verso l’estero, per esportare un po’ di quell’eccellenza che al momento l’Italia trova difficoltà ad accogliere. Così, coadiuvata dal suo ufficio stampa con sede londinese, sta mettendo in atto un processo di posizionamento del marchio in Cina, Brasile, Europa e Stati Uniti.

A sottolineare la sua storica attenzione verso l’Italia e l’imprenditoria femminile, Antonella Rossi è anche stata eletta vicepresidente di A.I.D.D.A., Associazione Imprenditrici e Donne Dirigenti d’Azienda, che ad oggi conta quasi 1.300 iscritte.

Donne e altrettanto talentuose, sono le sue tre figlie, che da qualche anno collaborano con l’azienda di famiglia, operando però in diversi settori; la più grande si occupa del reparto produttivo, la seconda realizza accessori, mentre la terza è in procinto di laurearsi al Polimoda, ma ha scelto un percorso di moda maschile.

Attendiamo di vedere l’ultima collezione firmata Antonella Rossi sfilare all’AltaRoma di luglio, per la quale la stilista toscana sembra aver riservato non poche sorprese ai suoi ospiti, soprattutto in termini di atmosfera…

Per maggiori informazioni visitate il sito www.antonellarossi.it

  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • AntonellaRossi-collezione-fashionnewsmag
  • AntonellaRossi-collezione-fashionnewsmag
  • AntonellaRossi-collezione-fashionnewsmag
  • AntonellaRossi
  • AntonellaRossi-collezione-fashionnewsmag
  • AntonellaRossi-collezione-fashionnewsmag

 

 

 

 

Read More

Talenti in erba

apr 15, 2012

Di Barbara Molinario

Dalle passerelle di AltaRoma Alta Moda, tra i numerosi stilisti che hanno animato la kermesse capitolina, emergono con discrezione e talento dodici giovanissimi ragazzi.

Sono i creativi dell’Accademia di Costume e di Moda, storica scuola italiana che ha sede in uno dei luoghi più suggestivi di Roma, Piazza della Rondinella, affacciata a Castel Sant’Angelo. Olimpia Tiberia, Corrado Scollo & Adriana Calzetti, Giorgia  Forte, Marta Rinaldi & Domitilla Montuori, Flavia Migani, Giulia Amendola, Beatrice Serlupi Crescenzi, Noemi Andriani & Martina Volo, Giada Nardiello e Federica Cappello, ecco i nomi dei talenti coordinati da Liliana Tudini che hanno presentato dieci collezioni di abiti e due di accessori.

Tre anni di studi hanno fruttato molto, i ragazzi si sono sfidati ad una gara all’ultima sforbiciata dalla quale è si è classificata al primo posto la coppia formata da Corrado Scollo e Adriana Maria Calzetti. Il duo Scollo Calzetti ha proposto una femminilità dal taglio maschile con riutilizzo di capi già esistenti. Giacche e cappotti dai tessuti maschili come tweed e principe di Galles, mixati a pantaloni morbidissimi di seta dalle stampe floreali. Al secondo posto uno studio meraviglioso di Beatrice Serlupi Crescenzi sugli insetti, a prima vista impercettibili ma con grande forza interiore nascosta. La gigantografia di una falena, il particolare delle ali di una farfalla decorano borse e scarpe. Al terzo posto Olimpia Tiberia che gioca con la seta come carta e ne ricava gonne origami dai toni del beige degradè abbinate a giacche e cappotti prugna e beige. Nota di merito alle bellissime giacche costruite con pellicce dai colori marini che  rinchiudono la donna in un guscio. Righe di pelliccia azzurra si alternano a quelle verde bosco; dei pantaloni di camoscio intrecciati stile “mummia” si abbinano al gilet di pelliccia a file alternate verde e tortora con inserti di pelle pervinca. Sono “very strong” le borse di Giorgia Forte, grandi pezzi di vernice color fragola si sovrappongono a pelle beige. I manici neri sovrastano creazioni eccentriche ma assolutamente portabili, per una donna che vuole stupire mantenendo intatto il glamour. E allora la vernice diventa giallo limone o verde petrolio, adatta a qualunque momento della giornata.

Nel corso della manifestazione è stato conferito, come ogni anno sin dal 1969, il Premio Irene Brin, ad un ex allievo che si è distinto professionalmente nel settore Moda. Quest’anno Raffello Napoleone, Amministratore Delegato di Pitti Immagine, ha consegnato il Premio a Laura Di Cola, Responsabile stile Ready to Wear Women’s collection VALENTINO.

Read More

Pastello e Fiori

apr 15, 2012

Di Barbara Molinario.

Colori e temi per la prossima stagione: pastello e fiori. I consigli di Renato Balestra.

Tanto pastello spunta sulle passerelle dell’Alta Moda nella kermesse AltaRoma. Gli italiani Raffaella Curiel, Fausto Sarli e Gattinoni e gli stranieri Jack Guisso e Tony Ward raccontano la primavera. Una primavera che vede protagonista la vita, la dolcezza, i colori più delicati che possono regalare i fiori.

Le corolle fiorite  sono sempre presenti in primavera, ma quest’anno più che mai. Stampe di fiori bianchi sul tubino verde da cocktail di Raffaella Curiel; un unico grande fiore fuxia stampato sulla gonna svasata al ginocchio di Gattinoni; fiori stampati sulle trasparenze degli abiti sensuali di Tony Ward.

I fiori sono l’ispirazione della collezione primavera estate del Maestro Renato Balestra. “E’ un tema che mi piace moltissimo” racconta “i fiori sono l’essenza del romanticismo. Sono certo che mi ispirerò ancora ai fiori, magari anche per la collezione invernale”. Corolle fiorite su abiti da sera, glicine che si arrampica sinuoso sulle gonne; la sposa è “la quint’essenza del prato” continua lo stilista “lo posso definire il mio capolavoro. La mia sposa è completamente fiorita con fiori azzurri, rosa violetto, glicine, lilla”. Cosa consiglia Renato Balestra alle donne? “Amo molto il color glicine questo periodo. I capelli corti ed un trucco un po’ da bambolina, con molto mascara sugli occhi e rossetto rosa intenso sulle labbra” Abolito il rosso fuoco per le labbra, “lo trovo innaturale” dichiara lo stilista “mi ha proprio stufato”.

Read More

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine