Gioielli di Sicilia

Ott 4, 2012

Di Tiziana Galli

Un sentimento che diventa Gioiello

 

Sono sempre stata convinta che gli oggetti fatti a mano abbiano una loro anima e vedendo i gioielli in ceramica di Maria Grazia Bonsignore la mia convinzione si è rafforzata.

Impossibile non notarli: forme, dettagli, sensazioni tattili, colori vivi e intensi; c’è tutta la magia della Sicilia in questi bijoux.

Un mondo e una tradizione secolare che emergono in maniera silenziosa prendendo forme semplici e ricercate al tempo stesso.

Maria Grazia, a cosa ti ispiri?

“A nulla in particolare, quando mi arriva l’ispirazione è tratta da fotogrammi che appartengono alla mia memoria in maniera più o meno consapevole. Sono frammenti di cultura è il mio patrimonio personale.

I colori che adopero sono gli azzurri accesi del mare e i rossi della lava dell’Etna, mentre nelle forme emergono ricordi arabeschi; io, però, mi sento sempre libera di potermi esprimere senza alcun clichè.

Mi piace essere spontanea.”

Quando hai cominciato con questa linea di bijoux?

“Sono ceramista da sempre e continuo la tradizione di mia madre Elisa Messina” fondatrice del laboratorio di ceramiche artistiche omonimo.

“Questa collezione di gioielli con le perle l’ho iniziata quando ho compiuto 50 anni. Mi sono fatta questo regalo!

Gli ultimi pezzi sono un po’ più barocchi perché ho deciso di abbinarli a degli abiti da sposa della collezione “Riflessi di Sicilia”.

Mi piace vedere il tono e la bellezza che offrono i miei gioielli a chi li indossa. Metto la mia sensibilità a disposizione di ciò che è bello perché mi piace condividere con gli altri dei momenti di bellezza.”

Quanto tempo impieghi per realizzare un pezzo?

“L’argilla si lavora in diverse fasi. I tempi tecnici sono venti giorni circa.”

Chi li sceglie?

“Piacciono a tutti. Tutto il mondo viene a Monreale e i miei gioielli sono un po’ ovunque” ma la loro particolarità è che prendono vita indosso e spesso, quando Maria Grazia è in giro deve vendere quelli che porta…

Provare per credere…

 

  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • NextGen scrollGallery2 thumbnail
  • 1 M.G. Bonsignore Fashion News Magazine
  • 3 M.G. Bonsignore Fashion News Magazine
  • 4 M.G. Bonsignore Fashion News Magazine
  • 5M.G. Bonsignore Fashion News Magazine
  • 7M.G. Bonsignore Fashion News Magazine
  • 8M.G. Bonsignore Fashion News Magazine
  • img_3669
  • mariagrazia-bon Fashion News Magazine
  • mariagraziab Fashion News Magazine
  • mgrazia-b Fashion News Magazine
  • mgraziab Fashion News Magazine
  • img_3662

 

Roma 4 Ottobre 2012

Read More

Maria Maiani

Lug 17, 2012

Di Maria Neve Riemma

L’Accademia di Maria Maiani

 

Un tempo le nostre nonne e le nostre mamme ci insegnavano che saper cucire era una dote fondamentale!

Un’ arte che ha radici antichissime.

Il lavoro manuale come appunto il cucito o il disegnare un semplice figurino, rimane oggi una dote poco diffusa.

La moda con gli anni, ha subito grandi cambiamenti, con le moderne tecnologie, tutto si è semplificato,  tutto è più veloce, mentre saper disegnare a mano libera un corpo armonioso e proporzionato, dove si mescolano sensibilità e creatività è un’arte che pochi possiedono.

Un’ arte che sicuramente l’Accademia “Creazioni moda di Maria Maiani” di Roma può trasmettere.

Maria Maiani vanta oltre 40 anni di attività e la sua scuola l’ha fondata da lei stessa.

A soli 21 anni è diventata direttore di un importante atelier di alta moda.

Più tardi nel 2003, ha fondato a Roma la scuola “Creazioni moda di Maria Maiani” dove ancora oggi insegna l’arte della modellistica.

Passione e creatività sono gli ingredienti giusti di questo mestiere e Maria ha continuato, in maniera costante a trasferirli agli suoi allievi che hanno deciso di frequentare i suoi corsi.

La scuola unisce tecnica e lavoro artigianale,  dove teoria e pratica vanno a braccetto. Obiettivo della scuola è di insegnare l’arte del taglio, della confezione e molto altro.

Futuri stilisti, modellisti, figurinisti e costumisti teatrali iniziano qui la loro carriera.

Inoltre l’Accademia cerca di far vivere in prima persona l’esperienza sartoriale, attraverso un elaborato percorso che prevede ideazione progettazione realizzazione e commercializzazione dell’abito.

Gli allievi una volta diplomati, possono intraprendere una carriera professionale, nel mondo della moda o avviare una propria attività sicuri di avere le basi per poter decollare.

 

Read More

Amatrice - Noi Ci Siamo - FashionNewsMagazine