Barcellona: a spasso tra petali e parole di carta

0
1533

FIORI

Di Giovanna Maria de Marco

Sant Jordi: Festa del Libro e delle Rose

Barcellona, 23 Aprile. Sembrerebbe l’intestazione di una lettera ed invece niente di tutto questo. Se per caso per la primavera state pianificando un viaggio in Spagna, siete amanti delle buone letture, dei fiori, delle fragranze e del romanticismo, allora segnatevi questa data, perché questo articolo fa per voi. Il 23 Aprile è un gran giorno per la Catalogna e per gli spagnoli nel mondo, che anche da lontano, festeggiano il cosiddetto “dia de Sant Jordi” ovvero la giornata di San Giorgio, patronodella Catalogna e di Barcellona.

Secondo un’antica abitudine medievale, si usava visitare la cappella di San Jordi noto anche come protettore degli innamorati, all’interno dell’attuale sede del governo della Catalogna, il “Palau de la Generalitat de Catalunya” (Palazzo della Generalità di Catalogna) che, vi segnaliamo, resta eccezionalmente aperto ai turisti durante questa ricorrenza speciale.

Come ogni anno, durante questo giorno dedicato alle rose ed ai libri, la tradizione  vuole che gli uomini offrano rose alle donne importanti della loro vita, come madri, mogli, fidanzate, amiche, colleghe; mentre le donne ricambino, regalando libri agli uomini. Di solito si compie questo gesto per le persone più care, poi l’atmosfera contagiosa di festa e l’entusiasmo fanno sì che rose e libri vengano regalati a tutti quelli che s’incontrano nel corso della giornata che, se pure, per brevi momenti, sono entrati nelle nostre vite. Può capitare, infatti, di prendere un caffè su uno dei terrazzi di Barcellona e ricevere una rosa dal cameriere, di regalare un fiore alla cassiera in un negozio, o alla donna dell’edicola. Pare proprio che questa tradizione catalana, sia poi stata adottata dall’UNESCO per decretare la giornata mondiale del libro e del diritto d’autore che si festeggia dal 1996.

In questo giorno speciale, Barcellona si veste di rose e si popola di bancarelle di libri. Sembra quasi una libreria a cielo aperto, in cui le strade s’inebriano del profumo soave dei fiori e si tingono di colore oltre che di giallo e di rosso come i colori nazionali della bandiera spagnola. Ovunque un’aria di festa. Nelle vie una moltitudine di colori, di gioia, di sorrisi, di regali, di petali, di parole volanti su pagine di carta che aspettano di essere lette.

Dalla Spagna ci confermano quanto questa giornata sia speciale, pare che tutta la città s’impregni di profumo come non mai, per via di tutte le rose che circolano per le varie strade. Sui social network appiano moltissimi messaggi di auguri e foto che mostrano fiori e libri. Noi vi suggeriamo di fare un salto a Barcellona e se proprio non ci riuscite, regalatevi qualche buona lettura magari sfogliando le pagine virtuali del nostro giornale!