Piazza Sempione FW 15-16

0
1480

Piazzasempione 2.2
Di Gabriele Arcieri

La Collezione A/I 2015-16 Piazza Sempione alla Milano Fashion Week.
L’espressione di una femminilità nuova e seducente nella Collezione P.S. che alterna linearità e fantasia in un sottile affascinante incontro tra artigianalità e ricerca stilistica.

 

Piazza Sempione ha disegnato e realizzato una Collezione dai toni pacati, da un gusto sobriamente incentrato sul desiderio di permearla di una sofisticata linearità che molto vuole dire e molto parla.
Ogni dettaglio, ogni linea vuole esprimere l’immediatezza della contemporaneità, l’attimo fuggente presente in ogni capo, quasi a voler eternare l’estro dello stilista, unico motore che lo aziona e lo rende vivo e palpitante.
La ricerca della linea nuova, motivo conduttore dell’intera Collezione, sfida il tempo, ne sottolinea il ritmo e sembra muoversi all’unisono con gli stessi tessuti ed i tagli, finchè non si è raggiunto l’esito finale: complici, in questo frenetico lavorìo, la qualità sartoriale unita alla grande capacità artigianale che equilibrano e perfezionano l’irripetibile “pezzo” finale.
Ogni singolo capo, infatti, si distingue per la trasparente pulizia delle forme, delineate da abili giochi di rette e volumi, tali da assicurare comfort e vestibilità in sofisticate forme minimaliste.
Il forte richiamo al “classico” nulla ha a che vedere con concetti di banali rivisitazioni, ma ci si lascia guidare da esso senza trascurare il tocco deciso della maison.
Nascono su queste basi cappotti e cappe in cui grandi revers, martingale e seducenti maniche a tre quarti perfezionano la linea; tailleur che si completano con sottili camicie o bluse di seta, abiti dalla forte impronta femminile, fluidi e con i punti vita in primo piano, né mancano i poncho-coperta o i gilet dalle lunghezze importanti che vanno a coprire bermuda, gonne e pantaloni.
Impossibile non menzionare, inoltre, gli strumenti principi che fanno da catalizzatori alla realizzazione di una Collezione che non sarebbe stata possibile senza il loro fondamentale apporto: i colori, in primis, spaziano dal grigio mèlange al tortora, al malva, ma anche all’intenso tono dell’ebano abbinato al nero ed al blu o all’avio o ancora ai prepotenti cromatismi del cedro e del lampone.
Il gioco dei disegni, poi, tratteggiato dalle tinte, viene a generare paesaggi in cui spiccano soggetti ora reali ora surreali, scorci geometrici, reti di fiori e foglie come sprazzi onirici, in un susseguirsi di richiami alla fredda e crepuscolare stagione invernale.
I tessuti, altri indispensabili protagonisti della Collezione, sono scelti sulla base delle proprietà di calore e morbidezza, dinamicità ed elasticità: la flanella, il tweed, il jersey, il mohair, impreziositi da stampe a soggetto naturale o da caleidoscopici effetti a rilievo in cui geometrie, coste inglesi ed intrecci di filati bouclè creano raffinate atmosfere tridimensionali, completano armoniosamente il panorama dell’intera Collezione.
Piazza Sempione plasma con profonda professionalità il concetto di “moda”, conservando intatto il primario significato, salvaguardando però quelli che sono i cardini su cui poggiare le nuove esigenze del momento e dove la quotidianità deve sposarsi necessariamente con il vitale concetto di eleganza che vuole ormai essere emozionale e vibrante, quasi a voler raggiungere l’essenza di una vera e propria arte, guida e maestra della maison.

[ScrollGallery id=1661]