Festival del cinema spagnolo

0
499
"10.000 Km" di Carlos Marqués-Marcet
“10.000 Km” di Carlos Marqués-Marcet

Di Andrea Festuccia

Tutti i film della “Nueva Ola”

Le migliori pellicole iberiche dell’ultima stagione a Roma dal 7 al 12 maggio e a Milano dal 14 al 17 maggio – Serata d’apertura con il maestro del cinema iberico Carlos Saura

Il Festival del Cinema Spagnolo, giunto alla sua ottava edizione, torna con un doppio appuntamento: a Roma, presso il Cinema Farnese Persol di Campo dè Fiori, dal 7 al 12 maggio, e per il secondo anno consecutivo a Milano, al Cinema Palestrina, dal 14 al 17 maggioLa serata di apertura del festival a Roma vedrà la presenza del maestro del cinema iberico Carlos Saura, cui è dedicato l’Omaggio del festival (con una retrospettiva di 5 film) in occasione dei suoi 50 anni di carriera. Autore di capolavori come Cría cuervos, Gran Prix al Festival di Cannes 1976 e candidato al Premio Oscar come Miglior film straniero con titoli come Mamá compie 100 anni nel 1980, e Tango nel 1999, Saura presenterà al pubblico italiano il suo grande successo Carmen Story, realizzato nel 1984, candidato all’Oscar nel 1983, basato sull’altrettanto celebre opera lirica musicata da Bizet.

"Los tontos y los estupidos" di Roberto Castòn
“Los tontos y los estupidos” di Roberto Castòn

Ma il “cuore dell’iniziativa resta la sezione della “Nueva Hola”: El somni del celler de can roca, fantastica  opera multidisciplinare in cui Franc Aleu e i fratelli Roca, master chefs del ristorante più rinomato del mondo, fondono immagini, gastronomia, lirica e sperimentazione: Freida Pinto, Miquel Barcelò e altre figure di spicco dell’arte e la scienza internazionale sono gli ospiti di questo viaggio da sogno. Magico e avvolgente 10.000 km di Carlos Marqués-Marcet, vincitore del Premio Goya 2015 come Miglior Regista Esordiente, è la storia di un amore a distanza vissuto tra collegamenti skype con protagonista l’attrice Natalia Tena, già interprete della saga di Harry Potter e della serie Il Trono di Spade.

"Cría cuervos" di Carlos Saura
“Cría cuervos” di Carlos Saura

Altra chicca, l’anteprima assoluta di Murieron por Encima de sus possibilitates, freschissimo film dell’enfant terrible del nuovo cinema spagnolo, Isaki Lacuesta: sceneggiatura irriverente e film ricco di stelle (José Coronado, Ángela Molina, Sergi López) al servizio di una commedia caustica e pungente su una banda di malati mentali fuggiti da una clinica, decisi ora o mai più a stabilire la giustizia sociale. Altro film della sezione, Los tontos y los estùpidos di Roberto Castòn, che racconta di una troupe cinematografica in un set che dà vita, nell’arco di un giorno, a un copione che narra le vicende incrociate di sei personaggi.