ALMA MATER di Yuval Avital

0
919

08_ALMA MATER

Di Isabella Bellitto

Dialogo tra nonne e natura.

Dall’8 al 29 luglio presso la Cattedrale della Fabbrica del vapore di Milano, si terrà un evento artistico simbolo di eccellenza creativa.

Alma Mater è un’opera di grande impatto sensoriale, un quadro allegorico di 1200 metri a metà tra installazione e performance; merito dei grandi protagonisti dal mondo icono-sonoro di Avital al simbolo artistico di Pistoletto; dal gesto aggraziato di famose étoile del Teatro la Scala come Liliana Cosi e Carla Fracci alle donne che tessono il merletto di Cantù; dalle installazioni site-specific di luci create da Enzo Catellani a quelle sonore realizzate da Architettura Sonora.

Ciò che viene realizzato dall’artista, Yuval Avital, è una potente partitura sonora che dà vita ad una foresta di 140 altoparlanti in pietra e terracotta da cui si diffondono voci di nonne intrecciate a suoni della natura: favole, canti tradizionali e preghiere si uniscono a boati di vulcani, suoni di abissi e gorgoglii di gocce d’acqua.

Le nonne sono un viaggio fino alle origini, un infinito cordone ombelicale rappresentato idealmente da Il Terzo Paradiso, opera di Pistoletto, che sta ad indicare il legame tra passato, presente e futuro.

Alma Mater, che darà il via ad una serie di appuntamenti che avranno luogo nell’arco di due mesi, è prodotto da Maga Global Arts, che promuove interculturalità e transdisciplinarietà in Italia e oltre, in collaborazione con Comune di Milano, Fabbrica del Vapore, Cittadellarte-Fondazione Pistoletto, Architettura sonora e Catellani&Smith.