Sabaudia Film Fest

0
897

"Fino a qui tutto bene" di Roan Johnson

(Foto: “Fino a qui tutto bene” di Roan Johnson)

Di Andrea Festuccia

Cinema tra le dune

Dal 10 al 18 luglio nella cittadina laziale frequentata dal jet-set del cinema italiano si tiene la prima edizione del festival dedicato alla commedia italiana.

Paola Cortellesi, Luca Argentero, Edoardo Leo, Vincenzo Salemme, Margherita Buy. Sono solo alcuni degli ospiti previsti  dal Sabaudia Film Fest, un Festival che vede 8 film in concorso per la miglior commedia, 5 opere prime, una retrospettiva con 6 film sulla commedia balneare e incontri con registi e autori della commedia italiana. La giuria è presieduta da Walter Veltroni. Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

"Scusate se esisto" di Riccardo Milani

(Foto: “Scusate se esisto” di Riccardo Milani)

Il Sabaudia Film Festival propone una sezione composta da 8 fra le più riuscite commedie dell’ultima stagione cinematografica e una sezione composta da 5 opere prime selezionate fra le commedie uscite al cinema nella stagione cinematografica 2014/2015; una retrospettiva di 6 film sulla commedia balneare dal titolo “Filmare” ed una serie di incontri con registi e autori, denominati “Confronti”, per discutere della storia della commedia italiana e del suo futuro. I film in concorso sono “Scusate se esisto” di Riccardo Milani, “Noi e la Giulia” di Edoardo Leo, “……E fuori nevica” di Vincenzo Salemme, “Il nome del figlio” di Francesca Archibugi, “Fino a qui tutto bene” di Roan Johnson, “Latin Lover” di Cristina Comencini, “La scuola più bella del mondo” di Luca Miniero e “Sei mai stata sulla luna?” di Paolo Genovese

"Sei mai stata sulla Luna?" di Paolo Genovese

(Foto: “Sei mai stata sulla Luna?” di Paolo Genovese)

Le proiezioni, tutte a ingresso libero, si svolgeranno all’aperto nell’Arena del Cinema, un grande spazio da 600 posti, che sarà allestito in Viale Umberto I nelle adiacenze del Palazzo del Comune. Gli appuntamenti della retrospettiva Filmare saranno in programma presso la Corte del Palazzo Comunale, mentre gli incontri della sezione Confronti si terranno presso il Centro di documentazione Angiolo Mazzoni. Il festival asseconda la vocazione cinematografica di Sabaudia che, anche per la sua architettura urbanistica, è stata spesso utilizzata come set: Divorzio all’italiana, La voglia matta, Amore mio aiutami, Compagni di scuola, Storia di Piera, Non ti muovere, Il caimano sono solo alcuni dei numerosi film che hanno scelto la città pontina come location di alcune scene importanti di queste pellicole.