Smirne

0
1056
Smine_Vista
Smirne, la più amata della Turchia

Izmir, o Smirne, è una delle località turistiche più amate della Turchia occidentale. Affacciata sul mare Egeo, è da diversi anni divenuta una ambita località di villeggiatura da parte di numerosi turisti europei e russi. Le ragioni del grande successo di questa città sono molteplici: la ricchezza dei suoi monumenti, frutto della dominazione ottomana e della ricostruzione seguita all’incendio del 1922; la bellezza del mare e della natura che la circonda, che la rende non solo la più nota località marittima turca, ma anche una delle più importanti dell’Egeo; l’accoglienza dei turchi, che sono più “europei” di quanto ci si aspetti, e che rendono il soggiorno piacevole e rilassante.
Come gran parte delle località del Mediterraneo “meridionale”, è consigliabile visitare Smirne da aprile a ottobre, quando imperversa la stagione cosiddetta secca, e le temperature restano su medie alte, ma sempre piuttosto godibili. La città e i suoi dintorni sono ricchissimi di luoghi da scoprire, dai monumenti di gusto islamico-ottomano, sino ai reperti di epoca preistorica; ne sono un esempio, in questo ultimo caso, gli scavi di Bayrakli, nella zona del quartiere Bornova, che hanno permesso di scoprire come la zona di Smirne fosse già abitata nel VI millennio avanti Cristo, e dunque nel suo sottosuolo si possano trovare più “civiltà sovrapposte”, in un museo a cielo aperto di grande importanza.

Questa zona, così come tutta la città, è facilmente ammirabile dalla bellissima collina di Kadifekale, o Pagos, che con i suoi 190 metri d’altezza domina il profilo di Smirne, e permette di gettare lo sguardo dall’entroterra al mare, dal grande porto fino alle spiagge per bagnanti. Rientrando in città, due luoghi sono assolutamente imperdibili: Piazza Konak, e Kemeralti. Piazza Konak è il punto di ritrovo indiscusso di tutti gli abitanti di Smirne, una piazza che, dopo una recente opera di riqualificazione, è diventata il fulcro della vita notturna e diurna, grazie ai suoi locali e alla facilità con la quale, da qui, si raggiungono tutte le attrazioni della città.

Kemeralti, nelle prossimità proprio di Piazza Konak, è il mercato storico della cittadina, il cui viale Anafartalar è caratterizzato da una curiosa forma “a curva”, nato come una sorta di diga artificiale per impedire alle acque antistanti il porto, durante le mareggiate o il maltempo, di allagare la zona pianeggiante di Kemeralti, e il suo mercato, che ancora oggi è basato sul classico “bazar”, con oggetti di ogni genere, a prezzi che spesso vanno negoziati con i venditori. Anche se il monumento più rappresentativo di Smirne è la sua bellissima Torre dell’Orologio, una sorta di “torre civica” in stile arabeggiante, sono tantissime le vestigia che risalgono all’epoca alessandrina, come l’Agora, o a quella romana, con l’antico acquedotto che permise un arrivo rapido ed efficace dell’acqua potabile in città.

Tanti, poi, i luoghi di culto, che testimoniano il susseguirsi delle dominazioni cristiane prima, e musulmane poi: imperdibile una visita alla Chiesa di San Policarpo, una delle cosiddette “sette chiese dell’Apocalisse”, così come alla Moschea Hisar, che si caratterizza per la presenza di mosaici e rilievi in stile barocco, di grandissimo pregio artistico. Izmir, insomma, offre davvero tanto al turista, e una visita in città non può dirsi completa senza una visita, magari serale, alla Promenade Kordon, dove troverete tutte le idee migliori per uno shopping turistico, e non solo.