Brighton Fashion Week 2015

0
799

fnm-brighton-fashion-week

Di Dario Bentivegna

Brighton Fashion Week 2015

L’annuale settimana della moda di Brighton all’insegna della sostenibilitá.

Il successo dell’evento Sustain della BFW dello scorso anno ha convito Lizzy Bishop, fondatrice e mente vulcanica della manifestazione, a dedicare l’intera edizione 2015 alla moda sostenibile. Non solo laboratori di upcycling, per creare abiti nuovi da capi dismessi, ma anche dibattitti, convegni e sopratutto sfilate di stilisti che nel concreto fanno della sostenibilitá parte integrante del loro brand. Se la Brighton Fashion Week non attira centinaia di giornalisti, addetti al settore e buyer come a Londra, con la capitale inglese condivide una fortissima spinta all’innovazione e il giusto equilibrio tra creativitá e business. L’avere in passerella trenta designer ‘sostenibili‘ non é un’impresa facile ma il meticoloso lavoro di scouting fatto dalla BFW dimostra che e’ possibile creare evento che dimostri, piu’ di tante parole, come la moda sostenibile e’ un modello possibile e la via per il futuro di questa industria.

Pur nella diversitá delle collezioni presentate tutti i brand che hanno sfilato hanno in comune alcune ‘buone pratiche’ come l’usare tessuti di fine serie, stampa digitale, tecniche di  tintura del tessuto ecologiche e l’uso di materiale naturali e trattati il meno possibile. A dimostrazione che la moda sostenibile é un modello applicabile a livello globale, hanno sfilato in questa edizione 2015 sia stilisti di Brighton – Isaac Raymond e L.O.M – che provenienti dall’Asia, Hong Kong – Angus Tsui e Tiffany Pattinson che hanno presentatato quattro delle migliori collezioni dell’evento, assieme ai completi da uomo, a stampa floreale, di KellyDawn Riot, che hanno riscosso un notevole successo tra il pubblico della BFW.

Immagini di Malcom Tam

[ScrollGallery id=1927]