Pianeta Social: a Milano il 22 giugno l’ “SMM Day 2016”

0
528

12650830_1107892295901643_8040567418557658691_n

Di Andrea Festuccia

Come fare giornalismo di qualità con facebook e twitter

Segnatevi la data (e affrettatevi a iscrivervi) se lavorate come social media manager o se più semplicemente volete diventarlo: a Milano il 22 giugno 2016 ci sarà il “social media marketing day Italia” presso la sede del Sole 24 ore. Partner di rilievo (come la Business school del sole 24 ore, IUSVE e CUOA per il supporto scientifico) per un evento che spazierà dall’informazione attraverso i social media (sempre più incalzante rispetto al tradizionale quotidiano o ai portali on line)  fino alla customer care delle grandi aziende. Ospiti d’eccezione il direttore dell’Ansa Luigi Contu e Giulio Ravizza, Direttore Marketing di Twitter Italia.

13254287_1179771618713710_6510806071837214777_n

“Cambia il mondo dell’informazione, ma soprattutto cambia il modo di fruizione dell’informazione”, spiega Andrea Albanese, organizzatore dell’evento. “Pochi giorni fa il prestigioso Pew Research Center statunitense ha diffuso i dati aggiornati su social media e notizie per il mercato americano: il 62% degli adulti si informano attraverso i social, soprattutto Reddit, Facebook e Twitter. In Italia la concentrazione è su Facebook, ma anziché condividere notizie e informazioni di qualità ci troviamo di fronte a pezzi di pseudogiornalismo e lampante click baiting.“

13267955_1178632032161002_4095547435629161241_n

“In Italia  – prosegue Albanese – abbiamo ottimi esempi di organizzazioni che hanno già strutturato un team di social customer care, ma ci sono colossi, e non faccio nomi, che rispondono dopo 24- 48 ore o che addirittura ignorano le richieste e le domande dei clienti. In un’era in cui la relazione social diventa veicolo di reputazione è essenziale essere tempestivi e professionali anche in questo campo. I social media hanno un potenziale ancora inespresso e poco sfruttato nel nostro Paese per le relazioni istituzionali e soprattutto per attività di advocacy e rappresentanza. Come sempre negli Stati Uniti sono molto più avanti, ma stiamo assistendo a evoluzioni importanti grazie anche all’impegno e alla lungimiranza delle Associazioni e Rappresentanze sul nostro territorio. Penso che assisteremo a cambiamenti importanti nei prossimi mesi”