Gosha Rubchinskiy, “The day of my death” al Pitti Uomo

0
874

gosharubchinskiy - 0041

Di Maria Ciani

Gosha Rubchinskiy, “The day of my death” al Pitti Uomo

Gosha Rubchinskiy, designer russo la cui ricerca creativa nel fashion continua ad attrarre le attenzioni della comunità internazionale della moda, presenta per la prima volta a Firenze la sua collezione Primavera-Estate 2017.

La vita, la tragica morte e i film di Pierpaolo Pasolini hanno ispirato la nuova collezione maschile dello stilista russo Gosha Rubchinskiy. “Sono entusiasta di essere qui, amo l’Italia e Firenze, la vostra cultura, l’arte e il cinema, soprattutto quello di Pierpaolo Pasolini, così realistico, come vuole essere la mia moda, dedicata alla gioventù della Russia, il mio paese, post sovietica.

Durante l’evento, è stato proiettato anche un film di 17 minuti ed è stato presentato un libro fotografico scattato dallo stesso stilista, sullo sfondo degli edifici anni Trenta delle Manifatture Tabacchi. Il libro è dedicato a Pasolini: “To Pierpaolo” la dedica del volume di immagini in bianco e nero intitolato “The day of my death“, il giorno della mia morte. Designer, fotografo e videomaker, Gosha Rubchinskiy è artefice di uno sportswear elegante che si ispira alle culture giovanili post-sovietiche, tra tradizioni religiose e scontro generazionale. Le sue creazioni sono pensate per la generazione nata dopo il 1991, su cui Gosha ripone le proprie speranze, come parte più promettente e influente della società russa contemporanea.