Pokèmon Go, il nuovo Fenomeno Mondiale

0
901

cop

Di Maria Ciani

Pokèmon Go, il nuovo Fenomeno Mondiale

In tutto il mondo è scoppiata la Pokémon-Mania, un’app consente di acciuffare i mostricciatoli nella realtà.

I Pokémon sono tornati e si preparano a un’invasione senza precedenti. Inventati da Nintendo negli anni Novanta, dopo il boom iniziale, da tempo erano sempre meno presenti sugli scaffali dei negozi.

I Pokémon sono i mostriciattoli in miniatura creati vent’anni fa da Satoshi Tajiri e diventati un “cult” grazie ai videogiochi della Nintendo. Il nome è una parola originata dalla coppia di parole inglesi Pocket Monsters (mostri tascabili). Gli “umani” possono catturarli, allenarli e farli combattere per divertimento. L’enorme successo ottenuto in tutto il mondo ha portato poi alla creazione di serie di videogiochi con 275 milioni di copie vendute, anime, film, manga, carte collezionabili, libri e innumerevoli gadget e giocattoli.
Adesso il ritorno in grande stile, direttamente nella realtà, grazie all’app Pokémon Go che, a pochi giorni dal debutto negli Stati Uniti e in Australia, sta già spopolando e non solo tra i giovanissimi.
In 24 ore dal lancio, per numero di download su dispositivi Android, ha superato app come: Twitter, WhatsApp e Snapchat. A una settimana dal lancio, il prezzo delle azioni del gruppo Nintendo è lievitato di oltre il 50% fino a una capitalizzazione superiore ai 31 miliardi di dollari.
Il gioco per smartphone si basa sulla realtà aumentata supportata dalla geolocalizzazione e dalla sinergia con la fotocamera e consente di cercare i Pokémon nell’ambiente reale seguendo indizi che arrivano sullo schermo del telefonino. Pikachu, e gli altri possono nascondersi ovunque, tra i cespugli, sul marciapiede, sul volto di uno sconosciuto, compito del giocatore è quello di acciuffarli con veri e propri inseguimenti per strada, al parco, in spiaggia, fuori casa. Il giocatore, al quale è notificata la presenza di un Pokemon nei paraggi, deve scovare il mostriciattolo e colpirlo con la PokéBall. Così si fanno punti e si guadagnano abilità e, salendo di livello, si guadagnano nuove Pokéball e nuovi “poteri”.
I mostricciattoli attualmente disponibili sono 150, ciascuno con il proprio “ambiente” preferenziale e le proprie caratteristiche. Il gioco è in continua evoluzione quindi non sappiamo cosa potrà riservare in futuro. Nel frattempo, Nintendo ha fatto bingo, ed ecco cosa accade quando Charizard viene “trovato” a Central Park: