New York Fashion Week: moda e creatività

0
1232

marchesa

Di Giusi Rosamilia

New York Fashion Week: moda e creatività

La settimana della moda approda nella Grande Mela

Dal 6 al 15 settembre 2016 New York ha ospitato la settimana della moda presso Skylight di Moynihan Station e Skylight Clarkson Square. Molti stilisti hanno sfilato in un’atmosfera speciale.

Hervé Léger si discosta dal classico abito aderente ed esplora nuove silhouette:tute, abiti lunghi ed elaborati tessuti intrecciati a mano e decorati.
Herve Leger
Da Diane von Furstemberg la moda diventa teatrino dell’humour: gruppi di modelle alle prese con buffe scene di vita quotidiana indossano una collezione seducente, femminile e fresca.
diane
Jason Wu presenta uno stile elegante e raffinato: fiocchi, pizzo chantilly e linee pulite rendono la linea molto femminile.
jason

Ha sfilato, poi, il marchio italiano Chiara BoniUpper este sid”, una delle zone più chic di New York. La collezione ammicca ad un’atmosfera calda ed elegante anni ’50, senza far mancare il gusto moderno e la praticità che caratterizzano il brand: eleganti dumps dalle tinte pastello, ballerine adornate da piccoli fiori e ricami e ancora culto, borstette e piccole tracolle.

CHIARA BONI LA PETITE ROBE NY Fashion Show_1

Carolina Herrera cattura tutti con un abito dalle forma classiche, in denim, indossato con flat shoes. A questo si aggiungono gonne di tulle dai volumi importanti e giacche da smoking a clessidra.

carolina herrera

Una linea briosa e stravagante per Jeremy Scott: il suo gusto pop non smette di divertire chi lo indossa fra gonne plissettate con volti stampati, stampe neon su completi, giochi di tridimensionalità e l’immancabile sport chic.

New York Fashion Week Spring/Summer 2017 - Jeremy Scott - Runway

Proenza Schouler propone precisione e modernità: abiti fluidi e asimmetrici, gonne a godet, top e cappotti con spalle scoperte, tuniche dalla silhouette allungata e pantaloni volume flare.

proenza

Lela Rose disegna una collezione romantica e grafica con un gusto retrò  e allo stesso tempo contemporaneo. Seta, organza e lana si fondono perfettamente, motivi geometrici e forme ben definite rendono i vestiti unici.

lela

3.1 Philip Lim sceglie toni chiari: bianco, celeste, rosa, con qualche tocco di nero e di viola. Stampe floreali e gonne di jeans rendono la collezione fresca, giovanile e dinamica.

philip
Thom Browne allestisce un pool-side party attorno a una piscina bidimensionale di piastrelle azzurre: modelle in gonfi abiti-tenda a fiori con cuffie assortite si spogliano dei loro paludamenti, con l’aiuto di uomini-gatto e pennuti uomini-pappagallo. E’ un trionfo di Tailleurs, abiti da cocktail, completi con gilet e gonne a pieghe sono del tutto “bidimensionali”.

thom

Il team creativo della maison di Oscar de la Renta della maison porta in passerella una collezione che rispetta il dna del compianto maestro, concentrando l’attenzione su preziosi abiti da cocktail e da sera. Molto presente l’uncinetto e gonne fluide o plissettate.

oscar

Zac Posen crea una collezione fatta di capi lineari, dalle forme semplici, rese particolari da stampe floreali e tessuti leggeri. Vestiti morbidi e gonne aderenti rendono la linea varia: arancio, nero, verde i colori predominanti.

posen

Donna Karan usa materiali morbidi e consistenti: nappa, cotone organza e forme pulite, geometriche. Gli abiti si fanno asimmetrici e panneggiati intorno al corpo. La sera è preziosa con applicazioni di piume, perline e paillettes.

donna karan

Da Alice + Olivia  una celebrazione della natura impregnata di stile liberty e bohemiénne: jacquard botanici, farfalle e volant su shopping anni ’70 dove gli accessori must sono turbante e maxi occhiale da sole.

oliva

Narciso Rodriguez sfila con una linea classica e sensuale allo stesso tempo: paillettes e trasparenze modellano le silhouette. Protagonisti della palette il bianco e il nero con un tocco di arancio intenso.

narciso

Anna Sui si diverte con su fantasie audaci e giocose e con un’abbondante quantità di colore. In match ad un baby doll in tonalità ciano con pettorina con volant in blu navy viene indossato con stivali alla coscia in velluto blu e un cappotto di lana Mongolia drappeggiato sulle spalle.

anna sui

La collezione di Marchesa regala un’atmosfera magica, fiabesca. Le modelle sfilano in abiti da fate, complici anche i materiali leggeri utilizzati. Le tinte utilizzate sono pastello: rosa antico, oro, verde acqua. I capi sono impreziositi da applicazioni 3d e ricami.

marchesa

Theory gioca con proporzioni ampie forme fluide: le camicie diventano oversize e poi abiti leggeri. La maglieria ampia avvolge dolcemente il corpo con la sua soffice texture.

theory

Linee curve e sinuose per la collezione Boss: tagli ellittici, inserti di pannelli a contrasto, ricami floreali. Le textures sono combinate a contrasto, con precisione e leggerezza.

boss

Stilista super atteso, Tommy Hilfigercrea un vero e proprio evento: dj set, pop up store, street food, nail artist e tatuatori per brindare alla sfilata aperta dalla top model Gigi Hadid. Il tema della linea è nautico: non è di certo una scelta casuale visto che lo stilista intraprende un viaggio per poter creare una collezione completa e accessibile. Fonde elementi classici come i pantaloni a palazzo a vita alta, oversize, giacca bomber, scollo a V, mantella e dettagli seducenti come urli in stile imperiale su trasparenze o risvolti dai toni decisi su sete stampate. La scelta dei colori è classica: grigio, blu navy, bianco, rosso, nero, azzurro, argento, oro.

Gigi Hadid Tommy hilfinger

Ralph Lauren proietta tutti su un lussuoso yatch club popolato da eleganti creature che sfoggiano tutti i classici di uno stile wasp e in tema navy. Camicie maschili accostate al pull leggero di cachemire, pantaloni ampi e corti, coordinati alla giacca, tute con stemmi nautici e borse ispirate alle sacche da marinaio. Per la sera linee pulite con stampati o optical e micro fiori.Cromie vivaci come i toni del blu navy, vermiglio o elettrico ed ancora bianco  e azzurro su tessuti di organza, chiffon, lycra.

ralph lauren

Michael Kors regala una buona dose romanticismo, forza e vitalità: spalle marcate e punto vita ben definito da giacche e soprabiti, piccoli fiori 3D ricamati su abiti e gonne linguette svolazzanti. Un mondo romantico spezzato dal look metropolitano, qui alleggerito da toni pastello.

kors

Tom Ford presenta una donna sensuale e consapevole della bellezza del proprio corpo, che osa senza paura: capi aderenti e fluidi evidenziano la silhouette, lunghi cappotti in tweed, tessuti maculati, top di pelle arricciata, punto vita definito da cinture fetish, paillettes metalliche, piume e velluti accostati a stivali cuissard sopra il ginocchio.

tom ford

La collezione di McQ Alexander McQueen è un mix tra la performer degli anni ottanta Lydia Lunch, a cui è ispirata e la fotografa francese di origini rumene Irina Ionesco. Qui le crome si fanno più dark:  melanzana, nero, ottanio, bianco, stucco, silver.

mcqueen

Per un guardaroba vario e divertente bisogna prestare attenzione alla collezione di Adam Selman. Presenta capi ispirati ad epoche diverse, creando una linea molto femminile: giacche e pantaloni oversize, gonne a vita alta in cotone, pelle, denim, tulle, crochet delineano silhouette longilinee e fresche. Scarpe allacciate con zeppa, sciarpe, occhiali da sole, scarpe da tennis: la parola d’ordine è comodità.

adam selman

Alexander Wang si riconferma “Master of Cool”. La collezione è divertente e giocosa: un mix tra streetwear California-style, il surf e la lingerie sexy, in un’altalena maschile/femminile. Nel finale sfila in passerella una tribù di cool kids che indossa tute, felpe, track suits e jogging progettate da Wang in collaborazione con Adidas.

La sensualità si fonde con lo sport: le brassières sono portate con chino pants o boxing shorts e indossate con accappatoi in visone. Surf shorts bordati in pizzo e accompagnati da abbreviate felpe-bolero.

wang

Delpozo rimane fedele al suo stile magico e architettonico, presentando una collezione ricca e leggera. Tessuti preziosi sostengono forme scolpite con precisione e cura, che sembrano esprimere una rigidità vaporosa. I colori sono delicati e limpidi: lavanda, menta, avorio, magenta, limone, azzurro, verde veronese, mandarino, azzurro ceruleo, rosso pompeiano.

Delpozo

 Tory Burch si lascia ispirare da atmosfere bohemian, Marrakesh, Essaouira e dall’eccentricità decadente londinese degli anni 70 per un risultato particolare: un mix tra sensualità e grinta. Linea ricca di dettagli artigianali e contrasti di textures, mescola elementi  maschili  ad altri più dolci e femminili.

Tory burch

Escada mixa lusso e sportswear. Abiti e cappotti mantengono una linea pulita e definita, fra gli accessori: cinture con cristalli, sandali wedge, borse a mano o orecchini pendenti. La palétte è composta da colori primari forti e brillanti: blu Cina, vermiglio, latte, limone, nero, giallo mango, taupe, marron glacé, cipria, silver, canna di fucile, verde prato, verde palude.

escada

Rachel Zoe si ispira a Talitha Getty, attrice scomparsa nel 1971. Protagonista indiscusso è l’abito caftano in versione maxi o mini, con stampe, ricami e nappe decorative.

Rachel Zoe

Akris si lascia trasportare dai colori e dalle linee del pittore Carmen Herrera. Il senso per le proporzioni e la mistura di euforia e ordine perfetto pervadono la linea: precisione e pulizia caratterizzano i capi. Camoscio tagliato al laser, tutine di lino e completi con giacca di lino strutturata sfilano con eleganza.

Akris

Lacoste propone una collezione ispirata alle Olimpiadi e trasform le bandiere dei paesi di tutto il mondo in decorazioni. Pantaloni baggy, tuniche affusolate, camicie ampie portate come abiti e completi fluidi di seta dalle trame luminescenti mescolano eleganza e sport.

lacoste

Red Valentino veste una ragazza romantica e alternativa con leggeri abiti di organza trasparente in tinte pastello e tute di denim. Paesaggi marini si intravedono su jersey leggeri. Nuance delicate e stampe floreali in un gusto senza tempo.

red valentino

Marc Jacobs è proiettato agli anni Ottanta e strizza l’occhio alla cultura pop e kitsch: giacche biker effetto collage, abiti di lamé dorato, pantaloni mimetici, bustier settecenteschi, gonne di tulle abbinate a felpe oversize, top, lingerie e giacche militari: nostalgia e libertà.

marc jacob