L’espressionismo tedesco in mostra a Nuoro

0
934

Erich Heckel, Flanders in Spring, 1916, Tempera on canvas, copyright Nachlass Erich Heckel, Hemmenhofen

Di Daniela Giannace

L’espressionismo tedesco in mostra a Nuoro

Oltre 100 capolavori dell’Osthaus Museum di Hagen esposti al MAN.

 

La prima avanguardia artistica del Novecento, ovvero l’espressionismo tedesco, è protagonista di una mostra al MAN di Nuoro, curata da Tayfun Belgin e Lorenzo Giusti. L’esposizione, visitabile dal 21 ottobre al 5 febbraio 2017, porta il titolo di Soggettivo – Primordiale. Un percorso nell’espressionismo tedesco attraverso le collezioni dell’Osthaus Museum di Hagen. Sono più di 100 le opere esposte, tutte provenienti dalla collezione dall’Osthaus Museum di Hagen, dedicato al grande collezionista e mecenate Karl Ernst Osthaus, che favorì la diffusione dell’avanguardia artistica e architettonica europea.
Le correnti artistiche “Die Brücke” (Il ponte), fondato a Dresda nel 1905, e “Der Blaue Reiter” (Il cavaliere azzurro), nato a Monaco nel 1911, fecero da apripista al movimento dell’espressionismo tedesco, i cui sostenitori si distaccarono sia dal conservatorismo tipico della politica imperiale sia dal progresso derivante dall’industria. Questi artisti erano invece a favore dell’individualismo, del primordio e di modi di vivere del tutto originali. Il movimento espressionista fu caratterizzato da diverse correnti, ognuna delle quali abbracciò una differente ricerca artistica, ma tutte furono accomunate da due aspetti in particolare, che sono indagati dalla mostra al MAN di Nuoro, cioè la tendenza verso una forma espressiva soggettiva e libera da imposizioni di carattere letterario, simbolico o tematico, e lo sviluppo di valori primordiali nell’ambito cittadino ma soprattutto a stretto contatto con la natura.
Ernst Ludwig Kirchner, Otto Mueller ed Emil Nolde furono fautori dell’individualismo in una società che poneva sempre più l’accento sulla massa a discapito del singolo. La persona, con i suoi stati d’animo ed emozioni, divenne il soggetto dei quadri di questi artisti espressionisti, che nello specifico indagarono i corpi umani, rappresentandoli in maniera semplice ma caricandoli di significato. Altre tendenze tipiche del movimento si concentrarono sui paesaggi naturali o sulla religione, ma tutte rappresentarono una novità nel panorama artistico dell’epoca, accanto al fauvismo.