Vivianne Westwood Bridal Collection

1
505

Bridal 2

Di Gabriele Arcieri

La raffinata bellezza degli abiti da sposa Vivianne Westwood

Tradizione e ricerca del nuovo negli abiti da sposa della Westwood, sempre attenta all’analisi creativa e stilisticamente perfetta.

L’abito da sposa rappresenta per eccellenza un piccolo capolavoro che nasce dalla mano sapiente di un creatore di moda il quale profonde in esso il massimo delle proprie capacità espressive. Da sempre il sogno e la magia da cui è circondato questo tipo di abito sono alla base della sua realizzazione e del suo voler essere l’apice di una intera collezione, meglio ancora se questa è dedicata esclusivamente a questo particolare abito che nell’immaginario collettivo rappresenta il top per ogni aspirazione femminile, anche in questo nostro frenetico e modernissimo tempo.

Questa collezione di abiti da sposa che Vivienne Westwood ha curato è caratterizzata infatti da tocchi inconfondibili che richiamano le più iconiche tradizioni e da linee classiche che aggiungono fluidità e linearità, fasciando l’intera figura.
La collezione “Made-to-Order” 2017 è essenzialmente imperniata su 8 abiti iconici quali: il Ball Tie, indossato per la prima volta da Jerry Hall nella sfilata della collezione Autunno-Inverno 1996/97 dalla linea dritta impreziosita da tulle; la Cocotte, ispirato alla moda del 17° e 18° secolo, a peplo con tessuti di seta; il Trinket che si rifà ai kimono giapponesi; il Delicate Drape Dress, splendido esempio di abito che esalta la femminilità, caratterizzato da un’accattivante gioco di pieghe; il Long Sandy, presentato per la prima volta nella collezione Mirror The World Primavera-Estate 2016 che, grazie ad una sapiente arricciatura e al taffetà di seta, conferisce sfarzo ed eleganza alla silhouette e il Bird Of Paradise, il trionfo della femminilità che si evidenzia dai molti drappeggi e dalla ricchezza della seta.

A questi preziosi esempi di abiti, la Westwood, ha voluto aggiungere, quasi a voler sottolineare l’importanza e l’impegno attraverso cui si creano tali “opere”, ancora altri 6 modelli couture: Malina Dress, abito mono spalla asimmetrico in seta e satin, presentano lo scorso anno ed ora reinterpretato per la Bridal Collection; così pure il Mini Sandy Dress è stato “ritoccato” e arricchito di una gonna con strascico; il Delicate Drape Corset, dalla linea tradizionale ma con la gonna – la Theresa Skirt – realizzata con quaranta metri di tulle; l’Harry Dress, in crepe marocain di seta e pizzo. Infine, ammirevoli ed affascinanti, le due versioni del modello Amber Dress: il Lace Amber Dress, in seta grigia, simile ad una toga greca e il Floral Amber Dress, più romantico in georgette di seta con applicazioni floreali.
Vivienne Westwood, come sempre, stupisce e ammalia, sorprende e incanta, riuscendo a coniugare il gusto romantico e tradizionale legandolo a schemi consolidati, con un sapore nuovo, sofisticato, spesso azzardato, ma sempre lasciando intravvedere il desiderio di bellezza, fascino e ricerca accurata dei tessuti preziosi, dei ricami realizzati a mano e delle raffinatissime rifiniture artigianali.

[ScrollGallery id=2444]

Comments are closed.