Le novità del Mart di Rovereto per il 2017

Il programma del Museo di Arte Moderna e Contemporanea per la nuova stagione
1
30

Interessanti novità coinvolgono quest’anno il Mart, Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Rovereto (TN). Innanzitutto, con l’arrivo delle nuove collezioni, ovvero Allaria, Panza di Biumo e De Angelis Testa, c’è un riallestimento generale di tutte quelle presenti. Inoltre, le mostre in programma per la prossima stagione toccano un lungo periodo che va dagli inizi del Novecento fino alle opere attuali. Altra novità è data dalla coincidenza dei Mart Open Day con le inaugurazioni delle mostre. Queste giornate, in cui il museo apre gratuitamente al pubblico, costituiscono un’occasione per assistere liberamente a visite guidate, laboratori, eventi, nonché incontri con gli artisti.

Per quanto riguarda le mostre, dal 5 marzo all’11 giugno si parte con un focus su alcuni lavori di Mario Sironi. Si passa poi a Grazia Toderi e Orhan Pamuk. Words and Stars, dal 2 aprile al 2 luglio, un progetto che nasce dall’incontro tra arti visive e parola scritta, grazie alla collaborazione tra una famosa artista contemporanea e il premio Nobel per la letteratura 2006. Si prosegue poi con Un’eterna bellezza. Capolavori dell’arte italiana del primo Novecento, dal 2 luglio al 5 novembre, un excursus di autori e movimenti italiani di inizio secolo, per capire che le loro esperienze sono simili. Una rassegna che vede la modernità fondersi con la bellezza dell’arte classica, in collaborazione con la Fundaciòn MAPRE di Madrid, e che sarà visitabile anche in Spagna fino al 4 giugno.

Tutti gli ismi di Armando Testa, dal 22 luglio al 15 ottobre, vede come protagonista uno dei più grandi pubblicitari italiani della storia, nel suo legame con l’arte. A Francesco Lo Savio e Carlo Alfano sono dedicate, invece, due rassegne monografiche, che dal 5 novembre indagano i linguaggi espressivi tra gli anni Cinquanta e Settanta, del tutto innovativi per l’epoca. A conclusione della stagione, la mostra Realismo magico: l’arte italiana tra metafisica e nuova oggettività 1920-1930, aperta al Mart dal 3 dicembre al 4 marzo 2018, che poi farà tappa pure a Helsinki ed Essen. Un omaggio a Giorgio De Chirico, Carlo Carrà, Giorgio Morandi, e a tanti altri artisti che furono centrali nella sperimentazione europea in quegli anni.

Comments are closed.