Anlaids: Campagna Soci 2017

0
354

Giovedì 16 marzo si terrà l’appuntamento per l’apertura della Campagna Associativa 2017 di Anlaids dalle 19.00 alle 21.00 nella Sala Verde di Palazzo Doria Pamphilj.

Anlaids è la prima e più grande associazione nata in Italia per fermare la diffusione dell’infezione da HIV e da trent’anni lavora per informare in merito agli studi più recenti sul virus, per fare prevenzione, per finanziare la ricerca scientifica e per tutelare i diritti di chi è già stato colpito dalla malattia. La prevenzione è l’arma più efficace per fermare il diffondersi del virus e per questo motivo Anlaids lavora rivolgendosi con attenzione particolare ai più giovani per diffondere l’importanza del sesso sicuro.

Nonostante anni di campagne di sensibilizzazione e informazione, le modalità di trasmissione del virus HIV sono ancora rappresentate nell’84% dei casi da rapporti sessuali senza preservativo sia tra eterosessuali che tra maschi omosessuali. Le regioni che hanno l’incidenza più alta sono il Lazio, la Lombardia e l’Emilia-Romagna.

Il virus colpisce prevalentemente gli uomini (79,6% dei casi), mentre continua a diminuire l’incidenza delle nuove diagnosi nelle donne. L’età media per i primi è di 39 anni, per le donne di 36 anni, ma  la fascia di età più colpita è quella tra i 25 e i 29 anni. Questi  sono alcuni degli ultimi dati diffusi dal Centro operativo Aids dell’Istituto Superiore di Sanità, dai quali si capisce che “L’Aids rappresenta ancora oggi un’emergenza mondiale”.

Per questi e molti altri motivi il ruolo di Anlaids Lazio risulta fondamentale nella diffusione di informazioni e di cultura della prevenzione soprattutto fra i più giovani. A partire da Gennaio 2017, inoltre, con il progetto “Facciamolo Rapido” in collaborazione con lo Spallanzani, l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive, è stato attivato un servizio per effettuare il test HIV rapido salivare presso la  sede operativa dell’associazione.

Grazie a questa sensibilizzazione si sta facendo sempre di più per ridurre il numero delle persone contagiate. Ogni contributo è importantissimo, perché passo dopo passo si possono cambiare le cose, si può fare la differenza.

 

Alessandra Rosci