Odense

Odense, la città immersa nel verde e ricca di misteri e suggestioni.
0
24

Città natale del famoso Hans Christian Andersen, autore di alcune delle fiabe più conosciute al mondo, Odense, immersa nel verde e ricca di misteri e suggestioni, conserva un fascino del tutto particolare, quasi “fashion”, ma in un senso antico e tradizionale di grande bellezza.

Seconda città della Danimarca, tra le più antiche del paese, si trova nel cuore dell’isola di Fionia, fra il Kattegat e il Mar Baltico, terra ricca di attrattive, dai romantici castelli, alle escursioni sulle 96 isole che la circondano. L’isola, definita “Giardino della Danimarca” per via della rigogliosa natura, è costellata dai tipici manieri dai caratteristici tetti in paglia, mulini a vento e pittoreschi villaggi costieri. Il nome Odense deriva dal dio nordico Odino, patrono della guerra, della poesia e principe dell’universo.

La prima impressione giunti ad Odense è quella di essere stati catapultati in un villaggio fiabesco, forse per le tipiche casette in legno, i Castelli, la ricca tradizione legata al passato; fatto sta che Odense è definita da molti come la “città delle Fiabe”. La parte più antica ricalca ancora l’impianto urbanistico storico e tutt’oggi conserva le inconfondibili casette danesi in legno, caratterizzate da colori accesi. Le prime notizie storiche della citta risalgono al VII secolo dopo Cristo; gli appassionati di archeologia ameranno visitare i resti del villaggio vichingo rinvenuto nella città.

Immancabile prima tappa del vostro viaggio la visita alla casa di Hans Christian Andersen, dove attraverso un percorso interattivo è possibile ripercorrere la vita, e soprattutto la produzione letteraria dello scrittore della Sirenetta, della Regina delle Nevi e del Piccolo Anatroccolo. All’interno sono anche esposte le figurine dei personaggi che Andersen amava disegnare, una raccolta di lettere personali, e le oltre centocinquanta traduzioni delle sue raccolte. La casa si trova nei pressi di un laghetto e di un piccolo teatro dove spesso vengono messi in scena i racconti dell’autore. Odense ha dato inoltre i natali al celebre compositore Carl Nielsen, e anche a lui è dedicato un museo che ne ripercorre la vita e le opere.

Altro luogo incantato è il Villaggio di Fionia, un museo all’aria aperta dove è stato ricostruito una tipica cittadina danese del XVIII secolo, nel periodo estivo il parco viene animato da personaggi in costume che danno vita al villaggio.

La Danimarca è una terra costellata da castelli, e l’isola di Fionia non è da meno, se ne contano infatti più di cento aperti attualmente al pubblico. Il più suggestivo, il Castello di Egeskov, si trova a Odense, e si tratta di uno dei castelli più grandi della Danimarca, circondato da un romantico lago ed un immenso parco verde. Costruito nel XVI secolo in pieno stile rinascimentale, l’ingresso è garantito da un bellissimo ponte levatoio ancora funzionante, all’interno si celano numerosi ambienti scale e passaggi segreti. il giardino circostante copre un’area di 40 ettari e all’interno del parco è possibile visitare giardini a tema, labirinti e deliziose raccolte museali.

Simbolo della città è la gotica Cattedrale di San Canuto, primo Santo danese e Re danese. La chiesa è indissolubilmente legata alla storia del paese: fuggendo da una ribellione popolare, il Re Canuto di Danimarca, si rifugiò presso una piccola chiesetta in legno proprio a Odense, tuttavia, la furia dei ribelli lo trovò e lo uccise all’interno della chiesetta. Re Canuto venne santificato, nel IX secolo e la cattedrale in suo onore, sebbene non venne costruita nel luogo dell’uccisione, divenne sede di intensi pellegrinaggi e il principale edificio di culto della città nel corso del XII secolo. La cattedrale presenta una bella facciata gotica, una pianta divisa in tre navate, al cui interno custodisce una teca vitrea coi resti di San Canuto.

Non solo passato, Odense è una città al passo col tempo: ne è testimonianza il polo Brandts Klaedefabrik, bellissimo esempio di archeologia industriale. I vasti ambienti all’interno di una ex fabbrica, dalle dimensioni ragguardevoli, sono stati occupati da vari musei, librerie, gallerie d’arte permanenti, botteghe di creativi. All’interno vengono spesso proiettati film della scena indipendente danese e organizzate rassegne cinematografiche; si tratta di un vero e proprio laboratorio artistico vibrante. La città vanta un polo universitario tra i più prestigiosi del paese, la forte presenza di studenti rende la città una meta giovane e alla moda con una vivace vita notturna che prende vita nei numerosi bar pub e discoteche.