Addio a Laura Biagiotti – La Regina del Cashmere

La moda italiana piange la perdita di Laura Biagiotti
0
614

Laura Biagiotti: “La moda è lo specchio dei tempi. La moda è l’espressione fondamentale del nostro personale comportamento che si evolve nei ritmi della contemporaneità.”

Laura Biagiotti, considerata l’ambasciatrice della moda italiana nel mondo, è venuta a mancare questa notte, dopo esser stata ricoverata presso l’ospedale Sant’Andrea di Roma a seguito di un arresto cardiaco che ha provocato un grave danno cerebrale.
Sin da giovanissima, Laura Biagiotti ha esordito come assistente di sua madre, catturata dai primi merletti e dalle prime sfilate. Il suo lungo tirocinio le ha consentito di acquisire un indispensabile background per eccellere in un mestiere complesso e poliedrico come quello di “stilista imprenditore”.

Nel periodo in cui frequentava la Facoltà di Lettere Antiche con specializzazione in Archeologia Cristiana, all’Università La Sapienza di Roma, si è trovata di fronte un grande dilemma: proseguire gli studi delle catacombe romane o seguire la passione per il mondo della moda?. Laura Biagiotti ha scelto di imboccare la seconda strada, conseguendo un successo straordinario alla conquista dei mercati globali. Le sue creazioni hanno incantato tutti, fin dalla prima collezione, presentata in passerella a Firenze nel lontano 1972.

Nelle sue creazioni, ha sempre riportato una traccia di quegli antichi studi: amore per la ricerca, attitudine mentale allo studio del fenomeno moda come espressione primaria dei comportamenti umani, come eleganza non solo fisica, ma soprattutto intellettuale. I principi che hanno sempre ispirato la sua moda sono rimasti immutati nel tempo: linee morbide e confortevoli, artigianalità delle lavorazioni, uso dei materiali pregiati e naturali. Laura Biagiotti ha inventato la monotaglia dell’abito bambola affinché nessuna donna si potesse sentire scartata dalla moda.

La Biagiotti Export è stata fondata nel 1965 e, fin dai primi anni, è stata all’avanguardia nell’attività di “licensing” in Italia, avendo curato la produzione e la diffusione dell’Alta Moda Pronta dei più importanti creatori di moda italiani, fra i quali Emilio Schuberth e Roberto Capucci.

La stilista è stata definita “The Queen of Cashmere” dal New York Times per le innovazioni che ha apportato alle lavorazioni in cashmere, il prezioso filato a cui ha restituito un’anima di moda e un’energia vitale adatta alla contemporaneità. E’ stata la prima della moda italiana in Cina. Desiderava sfilare fortemente in quel fascinoso paese dal quale importava da anni il pregiato filato di cashmere e la seta.

La sfilata in Cina è un regalo che ho voluto farmi in un momento di riflessione e che si è trasformata in una tappa fondamentale della mia vita e della mia carriera.”

Laura Biagiotti è stata una delle prime stiliste ad aver lanciato una collezione di occhiali. Circa 30 anni fa, ha creato il profumo Roma, una fragranza iconica,  e, da allora, ha riscosso un incredibile successo in tutto il mondo, in quanto esprime una romanità che va ben oltre i luoghi, per diventare una vera e propria filosofia.

Da anni, Laura Biagiotti rappresenta un importante binomio “moda-cultura”, avendo dato a Roma una parte significativa della sua “dote”, prima con il restauro della Scala Cordonata del Campidoglio, successivamente con l’intervento di restauro alle Fontane di Piazza Farnese. Il restauro del Grande Sipario della Fenice, dopo l’incendio che lo devastò, ha permesso la ricostruzione identica all’originale. La donazione è stata fatta in memoria di suo marito Gianni Cigna, prematuramente scomparso nel 1996. Un grande uomo di cultura, un manager di successo e co-fondatore del Gruppo Biagiotti.

La naturale inclinazione di Laura Biagiotti verso l’innovazione, la sua costante umiltà nel mettersi in gioco e nella ricerca dell’abito perfetto, la sua dedizione alla soddisfazione delle esigenze di tutte le donne, la longevità delle sue creazioni resteranno un patrimonio inestimabile di cui saremo sempre grati alla grande stilista.

Laura Biagiotti e Pu Jie