Landsberg am Lech, il gioiello nascosto della Baviera

Una città “fashion”, nel senso più tradizionale del termine, dove ogni monumento e ogni strada raccontano una storia.
0
66

Situata nel pieno scorrere della Romantische Straße, la Strada Romantica tedesca visitata ogni anno da milioni di turisti, la bella Landsberg am Lech compare quasi all’improvviso, tra le lande verdi dell’Alta Baviera, non lontana da Monaco.

Una località che ha conservato sapientemente i suoi monumenti storici più rilevanti, a iniziare dalla Bayertor, la grande torre dipinta e merlata realizzata intorno al 1425 e che, con i suoi 36 metri d’altezza, spicca sull’altrimenti piuttosto “appiattito”, ma solo per altezza, skyline cittadino.

Attraversata, come il nome stesso suggerisce, dal fiume Lech (che nasce in Austria), Landsberg ha così quell’affaccio romantico sul fiume che, in corrispondenza dell’antico borgo, si produce in una cascata a più salti, più larga che alta, ma di grande impatto scenico. Ed è davvero un piacere camminare lungo le rive del fiume, godendo di un così elegante, e rilassante, scenario naturale.

Una città “fashion”, nel senso più tradizionale del termine, dove ogni monumento e ogni strada raccontano una storia. Come la Alte Bergstraße, una stradina che con la sua significativa pendenza del 18% doveva in antichità essere un collegamento molto importante per superare ampi dislivelli, ma che oggi, inglobata nel pieno centro storico, è divenuta un’attrazione grazie alla presenza di numerosi “ceppi” che permettono di rallentare eventuali discese troppo ardite.

Bellissimo il Municipio Vecchio, edificio progettato dallo Zimmermann intorno al primo Settecento, con una facciata a cinque ordini e un interno dove, oltre alla sede comunale vera e propria, vi è una raccolta di opere pittoriche attribuite, tra gli altri, a Hubert von Herkomer e Ferdinand von Piloty. Da visitare anche gli edifici di culto, come la Chiesa di San Giovanni in Vorderanger, la Chiesa di Santa Croce e la Parrocchiale di Santa Maria Assunta. Proprio alla Vergine è dedicata la Marienbrunnen, ovvero la Fontana alla Madonna: si trova nella centralissima Hauptplatz ed è una elegante fontana a più getti d’acqua sulla quale troneggia una candida e marmorea Statua della Vergine Immacolata, opera dello scultore tirolese Bildhauer Streiter.

Landsberg am Lech è anche una città di festeggiamenti storici, come la Ruethenfest, che si tiene ogni quattro anni dal 1751 ed è dedicata alla tradizione bavarese. A cadenza annuale è invece la D’Landsberger Wies’n, una sorta di Oktoberfest al contrario poiché, a differenza della tradizionale affezione dei bavaresi alla birra, qui il protagonista è il vino (e, inoltre, la festa cade nel mese di giugno). Una città, infine, legata anche un po’ all’Italia: Landsberg am Lech, infatti, è gemellata dal 1989 con Rocca di Papa, comune dei Castelli Romani che ha subito, nel Trecento, l’occupazione di Ludovico IV il Bavaro. Un rapporto che negli anni ha acquisito una connotazione culturale e artistica, oltre che sociale, e che si rinsalda ogni anno con visite reciproche da parte delle rispettive comunità.