FIBO CHINA 2017: il made in Italy approda in Cina

Hard Candy Fitness, con l'esperienza del Genaral Manager Ciro Santucci, esporta lo sport targato Made in Italy in Asia.
0
34

Il Made in Italy approda ancora una volta in China: un marchio internazionale ed il savoir-faire italiano si uniscono per l’edizione 2017 di FIBO CHINA, la community mondiale dell’industria del Fitness. Dall’abbigliamento sportivo, all’alimentazione fino ai macchinari più innovativi e moderni per scoprire insieme ai leader del settore, quali siano le tendenze sullo sport del futuro.

Un convegno che chiama a sé i più importanti esperti del settore del fitness e vede come protagonisti studiosi e dirigenti provenienti dal Nord America, dall’Europa e dall’Asia, per discutere e gettare le basi di una cross-industry in sinergia con le industrie sanitarie, dello sport e del benessere in generale.

Speaker per l’Italia sarà Ciro Santucci esperto ed imprenditore del mondo delle palestre, che interverrà esponendo la sua personale case history, con focus sul club AUDACE PALESTRE e HARD CANDY FITNESS di Milano di cui è Direttore Generale. Il marchio HARD CANDY FITNESS fondato dalla super star planetaria Madonna, si forgia così dell’esperienza, della cultura e del saper fare, tutto italiano. Ciro Santucci, General Manager di Hard Candy Fitness e fondatore del format Audace terrà un panel l’8 settembre prossimo al Fibo China dal titolo “How to Make Members to be Your Fans And Incorporate Entertainment, Music, Party and Social Contact into Club Services”.

Per Ciro un nuovo modo di vivere la palestra in perfetta sintonia con musica, intrattenimento e social. Insomma un vero e proprio contenitore di lifestyle che ogni anno attira sempre di più giovani appassionati grazie a contenuti originali e anticonvenzionali.

“Sono molto onorato e soddisfatto di partecipare a Fibo China assieme ai più grandi marchi del settore del fitness mondiale. In FIBO presenterò per la prima volta in Asia e nel settore del fitness, un progetto totalmente Made in Italy che diventa diretto concorrente dei modelli americani, ritenuti dal pubblico e dagli esperti come i migliori.”