Siamo tutte Donne Alfa!

Ecco cosa ci insegna il ruolo di Meryl Streep in “The Post”, l’ultima pellicola di Spielberg.
0
132

Le donne? Una forza della natura. Un uragano, un ciclone, un tornado. Travolgono il mondo. Sono cocciute e determinate, testarde e coraggiose. Portano alte mille bandiere, una su tutte la volontà di essere considerate e trattate al pari degli uomini. Non più solo maschi alfa, ma anche donne alfa. Sono loro le protagoniste che vedremo sul grande schermo dal 1 Febbraio, in The Post, la nuova pellicola di Steven Spielberg interpretata da Meryl Streep nel ruolo di Katharine Graham, e Tom Hanks nel ruolo di Ben Brandel.Lei prima donna editore del Whashington Post, nominata anche nel Fortune 500, l’elenco annuale delle imprese statunitensi di maggior successo, lui il suo puntiglioso direttore.

Katherine ha scelto il vertice, un mondo blu, fatto di maschi che ti guardano dall’alto, con giudizio. Ma poco importa se hai 46 anni e sei convinta di diventare qualcuno di importante. Poco importa se ti mettono i bastoni tra le gambe, tanto tu sei forte abbastanza da spezzarli. Poco importa se sei donna, è un valore aggiunto!

In “The Post” ogni singola scena, ogni singola battuta, racconta del mondo attuale, ma anche dei fardelli portati addosso da eroine che, a partire dagli anni ’70, si sono contraddistinte, facendo si che oggi, finalmente, si percepisca qualche risultato. Ma non è ancora abbastanza.

Care Super Woman, ecco gli insegnamenti che “The Post” ci regala. Fatene tesoro, metteteli in pratica e non abbiate paura. Mai.

Sii l’eroina di te stessa, non la vittima. Salviamoci da sole, perché nessuno più di noi sa di potercela fare. Vietato piangersi addosso, piuttosto rimbocchiamoci le maniche e battiamoci per avere ciò che vogliamo.

Abbi il coraggio di osare. Meryl Streep, nei panni di Katherine, è una donna di 46 anni, vedova e madre di 4 figli, la quale, senza aver mai lavorato, decide di farsi carico di un’enorme responsabilità: gestire un giornale e catapultarsi in un mondo di maschi. Come lei, anche noi non dobbiamo mai pensare che sia troppo tardi, che qualcosa non sia possibile. Sono tutte scuse. Volere è potere.

Sii libera di parlare. In “The Post” lo sfondo della scena è la pubblicazione dei Pentagon Papers e la seguente lotta del Washington Post per difendersi dagli attacchi dell’amministrazione Nixon. Un’azione giornalistica che fece scoppiare uno scandalo ma che mise in luce informazioni non di poco conto. Traiamo spunto da qui, nessuno mai deve sentirsi autorizzato a metterci il bavaglio. Venite fuori dal bozzolo e urlate al mondo le vostre violenze, fisiche o psicologiche che siano, solo così possiamo farcela davvero.

Non sentirti inadeguata. A lavoro, a casa, nei momenti di svago non devi mai e poi mai considerarti “non abbastanza”. Si chiama sindrome dell’impostore e fa sentire insufficienti anche le donne più brillanti. Siamo umani, ci si può demoralizzare, ma ricordate, il vero segreto è imparare a ballare sotto la pioggia!

Cambia il mondo nel tuo piccolo. Ogni tua azione, anche la più semplice è importante per te, per i tuoi figli, per il tuo partner, per i tuoi amici, per chi ti ama davvero. Se qualcosa non va, cambiala, migliorala, fa che diventi positiva. Non serve conquistare il mondo per essere degli eroi, basta un pizzico di coraggio!